domenica 9 agosto 2009

Appunti di Avicoltura: cosa fare quando una gallina diventa chioccia.


Un bellissimo pulcino. Foto di Andrea mangoni.



La riproduzione è sempre il momento più alto dell'allevamento: la nascita di una nuova generazione, nuove e meravigliose vite che verranno ad arricchire il nostro pollaio (e anche a farci dannare un po'!), insomma nuove speranze e nuovi progetti da fare.

Ho già avuto modo di parlare della schiusa artificiale, ma tanti mi hanno scritto per parlare di questo o di quell'aspetto legato all'incubazione naturale delle uova, quelli, insomma, legati alla cara, vecchia chioccia... Così ho deciso di scrivere qualche riga a proposito.

Innanzitutto, una delle domande che mi viene fatta più di frequente è la seguente: come posso indurre una gallina a diventare chioccia?? Ebbene, la risposta è purtroppo abbastanza netta: non si dovrebbe mai cercare di indurre forzatamente una gallina a diventare chioccia. In passato, spesso le contadine avevano necessità estrema di poter avere dei pulcini, ed erano state sviluppate alcune tecniche particolari proprio per riuscire a indurre una gallina alla cova; ciononostante, le galline dei nostri nonni spesso erano galline autoctone, che già presentavano in qualche misura l'istinto alla cova, istinto che trae la sua origine da una ben definita componente del patrimonio genetico dell'animale; così avremo razze con una maggiore propensione alla cova e razze invece che ne sono quasi prive. Ad esempio, le galline di razza Cocincina, o i tanti ibridi nani noti come "americanine" o "mugellesi" hanno di solito una fortissima propensione alla cova, tanto che a volte iniziano ad incubare le uova dopo averne deposte appena 7 o 8; le odierne ovaiole, invece, sono state selezionate per decenni proprio allo scopo di eliminare qualsivoglia traccia di tale istinto, per cui sarà assolutamente inutile provare a convincere una Livornese da capannone a covare: non lo farà! C'è un'altra cosa da aggiungere, molto importante: la cova è un momento difficile ed estremamente impegnativo per qualunque gallina: solo un animale in perfette condizioni fisiche cercherà di covare. Per questo, indurre artificialmente la cova in una gallina non pronta potrebbe significare un grave rischio per la sua salute, senza contare che alcuni di questi metodi erano estremamente cruenti o quanto meno debilitanti per gli animali che vi erano sottoposti!

Ok, ora abbiamo allora capito che dovremo procurarci preferibilmente almeno una gallina appartenente ad una razza che ha conservato l'istinto alla cova. Quindi, quando essa avrà iniziato a deporre, inizieremo anche noi a raccogliere le uova degli esemplari che ci interessano, per potergliele mettere sotto nel momento in cui inizierà a covare. Non eccedete mai oltre le 12-14 uova da destinare a ciascuna chioccia: tenete conto che la povera gallina ha dei limiti fisici!! Le uova vanno conservate in un ambiente fresco, con la punta verso il basso, per un massimo di 15-18 giorni; poi vanno destinate alla mensa (vostra o dei vostri animali).

Altro dubbio che spesso viene posto è il seguente: devo isolare la chioccia dalle altre galline, quando inizia a covare? In effetti, sarebbe meglio (soprattutto in caso di galli molto esuberanti) che la nostra chioccia potesse trovarsi in un ambiente adatto, per portare a termine con successo la propria covata e non essere disturbata eccessivamente. Il posto prescelto dovrebbe essere in penombra, in maniera da dare tranquillità alla futura mamma; inoltre occorre pensare da subito a qualche tipo di recinzione per isolarla dagli altri animali.

. .

Un'altra domanda frequentissima che mi viene posta è questa: come posso spostare una chioccia e cambiarla di nido? In effetti, spesso capita che i polli depongano in posti scomodi, "pericolosi" o anche solo in nidi non sicuri. In questi casi è necessario spostare la futura mamma, tenendo però conto di alcune importanti indicazioni di base. Il nuovo nido dovrà essere ben riparato e sarà costituito preferibilmente da una cassettina od una cesta dai lati alti circa 10-15 cm (ottime tante cestine per la frutta), e foderato all'interno con un buon substrato morbido ed accogliente. Per la mia esperienza personale, il substrato migliore si è rivelato finora il truciolo depolverato usato come lettiera per gli animali: oltre ad essere molto igienico e a trattenere l'umidità, è anche piuttosto economico ed utilizzabile in seguito come lettiera per i pulcini. Inoltre, potete provare a mescolare del tabacco in polvere al truciolo, in quanto la nicotina in esso contenuta può fungere da insetticida naturale nei confronti dei tanti parassiti esterni della gallina stessa. A questo proposito non posso fare a meno di raccomandarvi di controllare molto bene la vostra chioccia e di verificare che lei o la lettiera non ospitino un numero eccessivo di ectoparassiti (pidocchi pollini, acari, ecc...): viste le condizioni di immobilità della futura mamma, potrebbero moltiplicarsi fino ad indebolirla seriamente se non addirittura ad ucciderla. Attenzione in particolar modo agli acari ematofagi, che vivono nel substrato ed escono solo di notte per succhiare il sangue: non avete idea di quanto possa esser brutto andare in pollaio una mattina e trovarvi dentro una chioccia morta dissanguata sopra le uova!


Tornando a noi, una volta preparato il nido giunge finalmente il momento di spostare la chioccia. Questa operazione va effettuata sempre DI NOTTE: la gallina, infatti, se spostata di giorno potrebbe stressarsi eccessivamente e decidere di abbandonare la covata. Procedete invece così: andate dalla chioccia di notte, prelevate alcune delle sue uova ben calde e mettetele nel nuovo nido, quindi prendete la gallina e fate altrettanto. Il buio ed il calore delle uova sotto di lei la tranquillizzeranno, e le sembrerà di non essersi mossa. Quindi mettetele sotto anche le restanti uova. Al mattino, con la luce del sole, si sarà quasi certamente già abituata alla nuova sistemazione e difficilmente abbandonerà la cova. Con questo sistema ho spostato nell'ultimo anno 5 chiocce, di cui due tacchine, senza problemi di sorta.


Soprattutto nei primi giorni di cova, assicuratevi che la gallina beva e mangi. L'ideale sarebbe mettere cibo ed acqua in contenitori bassi davanti al nido, e distanti circa 30-50 cm da esso, in maniera che essa debba uscire dal nido stesso per nutrirsi: in questo modo una volta alzatasi ne approfitterà per defecare al di fuori, mantenendo pulito il substrato. Se non dovesse nutrirsi da sola, ogni due giorni provate a sollevarla delicatamente e a posarla davanti al cibo fuori dal nido.


Ed ora arriviamo al momento forse più delicato: la nascita dei pulcini. Delicato perchè i piccoli rappresentano una preda ambita per i roditori come i ratti e per altri predatori. Per questo, di solito, io trasferisco la chioccia (uno o due giorni prima della nascita), in una gabbia, assieme a tutto il nido. La gabbia dev'essere abbastanza grande da permettere alla gallina di muoversi, di alzarsi in piedi e di allontanarsi dal nido; diciamo che per le razze medio-piccole può andar bene una gabbia di un metro per sessanta centimetri di base, e 50-60 cm d'altezza. La gabbia dovrà essere ovviamente fatta con rete a maglie fine, di circa 1/2 cm, e con un'ottima chiusura. La chioccia potrà restare nella gabbia coi pulcini per il primo mese, quindi verrà allontanata e tornerà con le altre galline; i pulcini rimarranno in gabbia invece fino ai 2 - 3 mesi, fino a quando cioè potranno essere in grado di difendersi abbastanza bene o di scappare efficacemente. Se pensate che sia un pò troppo esagerato, credetemi: non avete idea di quello che puà fare un ratto. Giusto stamattina ho trovato una giovane Polverara, la migliore della prima covata di quest'anno, uccisa dai ratti; e giusto un anno fa i ratti avevano ucciso anche suo nonno, Leonida. Per cui, massima attenzione ai predatori!!


A volte invece ci si può trovare ad avere bisogno di una buona balia, cioè di una gallina che si prenda cura di alcuni pulcini (nati ad esempio in incubatrice). In tal caso una chioccia è una manna da cielo: si può aspettare che comincino a nascere i suoi pulcini, quindi aggiungerle (sempre di sera) qualche "figlio adottivo", mettendoglielo sotto ed inserendolo dalla parte della... coda della gallina. O ancora, se non si puà aspettare, si potranno aggiungere i pulcini di notte togliendo nel contempo le uova: spesso una chioccia accetterà di diventare mamma anche solo pochi giorni dall'inizio della cova. Resta il perciolo che la chioccia comunque non riconosca i piccoli come suoi, o che semplicemente li rifiuti: in questo caso potrebbe anche ucciderli. Un tempo si usava cucire in maniera particolare le palpebre delle chiocce per evitare che questo accadesse, ora, lontani da questi metodi barbari, l'unico consiglio valido è quello di sorvegliare attentamente ciò che accade e di allevare artificialmente, se necessario, i piccoli., rinunciando così alla balia.


Da ultimo, in questa discussione sulle chiocce... c'è chi ha il problema inverso: una gallina che cova quando non dovrebbe o non vorremmo. Le opzioni possibili sono diverse: disturbarla spesso, metterla con le zampe a mollo in acqua fredda, ecc... In alternativa, prendete al più vicino mercato un pulcinotto, il più piccolo possibile, metteteglielo sotto di notte... e lasciatele fare la mamma per un po'!


Ecco, con questo credo di aver detto tutto. Se avete suggerimenti, informazioni o altro, i commenti sono qui sotto!


*****

E' USCITO "IL POLLAIO PER TUTTI", IL NUOVO LIBRO DI ANDREA MANGONI!


ALTRE LETTURE INTERESSANTI:

 .  . 
 .  . 

*****
Una chioccia coi suoi pulcini. Foto di Andrea Mangoni.

210 commenti:

1 – 200 di 210   Nuovi›   Più recenti»
cbx41 ha detto...

Bonjour
Le musée ne donne pas d'explications sur les poules huppées. Les renseignements que je donne, ont été collectées sur internet.
Cordialement

Andrea ha detto...

Merçì bien! Vous avez etè tres gentile! Au revoir!

Anonimo ha detto...

e se faccio covare più galline contemporaneamente, in nidi diversi ma vicini... poi posso metterle nella stessa gabbia (2 metri per 1 metro) tutte insieme? grazie

Andrea ha detto...

...io eviterei. Le mamme possono diventare piuttosto aggressive le une con le altre. Piuttosto, se la razza è grande e se le schiuse sono più o meno contigue, potrei pensare a togliere i pulcini alle altre chiocce per lasciarli tutti solo ad una. Ma se possibile... una gabbia per chioccia e ti risaprmi un sacco di problemi. ciao!

Seby93 ha detto...

ciao.. ho un problema con una delle mie galline nane,ha deposto 14 uova in un luogo nascosto ma perche nn le cova?

Andrea ha detto...

ciao, è difficile dirlo così. E' alla sua prima cova? Alcune galline diventano chiocce dopo aver deposto 10 uova, altre dopo 20. Se sta ancora deponendo non si può escludere che ne faccia una ventina prima di mettersi a covare. In quel caso eliminane 6-7, per evitare che la covata rischi di raffreddarsi tutta.

Seby93 ha detto...

no non e' alla sua prima cova.. quindi cosa mi consigli di fare?

Andrea ha detto...

...dovresti sapere, quindi, se non è alla sua prima cova, dopo quante uova in passato era diventata chioccia. se il numero è già stato ampiamente superato, probabilmente non ha la minima intenzione di diventarlo. Dovrai destinare parte delle sue uova ad un'incubatrice o ad un'altra chioccia. Se invece non sai quante uova faceva nelle chiocciate precedenti, aspetta: magari arrivata attorno a venti smetterà. segnati però quali sono le uova più vecchie, e toglile quando inizia. ciao!

Seby93 ha detto...

ta gallina me l'hanno regalata gia' chioccia con 10 pulcini ora nn so..comunque grazie 1000=)..ah ascolta hai delle esperienze anke su conigli da allevamento??

Andrea ha detto...

prego, figurati!
no, sui conigli non ho esperienza, mi spiace!!

Seby93 ha detto...

ok ok cmq oggi sn stato in campagna e indovina?? ho trovato la gallina che covavaaa!! finalmente..

Andrea ha detto...

evviva!! Mi raccomando, controlla se riesce a coprire bene tutte le uova e al limite togligliene un paio!!

Seby93 ha detto...

le uova le copre tutte .. vediamo casomai gliene tolgo un po

Anonimo ha detto...

Ciao, ho da poco avviato un pollaio. Spero che presto la gallina, che è ancora giovane, diventi chioccia. Per il momento volevo solo ringraziarti per i tuoi consigli che mi saranno di sicuro utilissimi!A presto.

Andrea ha detto...

grazie mille! Vedrai che se la razza è quella giusta, la tua gallinella diventerà un'ottima mamma. in bocca al lupo e a presto!

Anonimo ha detto...

Ciao, ho bisogno di un consiglio! Le mie tre galline e il gallo volano fuori dal recinto che è però abbastanza alto(più di un metro e 1/2). Mi hanno detto che staccandogli alcune penne non dovrebbero più riuscirci. E' vero? e se si quali penne devo staccare?
Grazie

Andrea ha detto...

ciao, puoi togliere - o tagliare, le ultime 3 o 4 penne remiganti dell'ala, anche se alcuni ne tolgono di più. Qui trovi un disegno preso dal forum di cocincina (cocincina.leo.it), che ti consiglio di seguire. ciao!!
http://im2.freeforumzone.it/up/20/28/789976068.gif

Anonimo ha detto...

Grazie mille e buon anno!!!!

Anonimo ha detto...

Ciao si puo' "recintare" il nido gia' esistente con la chioccia gia' dentro e destinarne uno nuovo alle altre galline? Grazie Lorenzo

Andrea ha detto...

sì, certo! è un'ottima soluzione!

Alick ha detto...

Ciao Andrea!! Ho fatto covare alla mia chioccia 12 uova, dopo circa 15giorni ho dato 1occhiata e mi sono accorto che uova erano 2. (boo?)Successivamente ho capito che le "amiche" avevano il vizietto(ovofagia) per cui , visto che le due uova rimaste non erano feconde,le ho tolte.Dopo 2giorni di stop ho messo nel nido 3uova finte e ho notato le cova che dici, posso farla ripartire?? O le abbandona??

Andrea ha detto...

ciao, aspetta che covi BENE da un paio di giorni; poi prova a metterle le uova. in generale isola la chioccia dalle altre galline, se temi per l'ovofagia. Assicurati anche che siano davvero le galline le colpevoli delle sparizioni delle uova, e che non siano invece i ratti - molto più pericolosi - a sbafarsele.
ciao!

Alick ha detto...

Ok grazie!! In ogni caso ho messo la gallina in gabbia per evitare problemi con il nido e pare che covi. Ho messo 11 uova speriamo bene

Astrid ha detto...

Caro Andrea,
grazie tante per il tuo prezioso articolo sulla chioccia. Ho una domanda: hai mai sentito parlare di galline che si lasciano morire di fame pur di non smetter di covare? La mia gallina ha cominciato a covare (ahimè) 8 settimane fa! Purtroppo all'inizio non avevo capito cosa le stesse succedendo... dopo diverse settimane ho sperato che lei avrebbe smesso da sola... e poiché invece non smetteva mai, alla fine sono andata alla ricerca di una fattoria per procurarle delle uova fecondate. Finalmente sta covando delle uova fecondate, ma ormai é proprio stremata. Credi che ci sia il rischio che muoia prima che nascano i pulcini? ce la farà?

Andrea Mangoni ha detto...

ciao Astrid, l'importante è che mangi e che beva regolarmente. L'anno scorso una delle mie boffe ha covato per quasi tre mesi di fila, e non c'era verso di smuoverla.
mi raccomando, assicurati che si alzi dal nido una quindicina di minuti al giorno. mettile nell'acqua una dose di multivitaminico e offirle anche frutta e verdure fresche. Se non dovesse nascere nulla, prova a farle un bagno freddo o a metterla in una gabbietta sospesa. dovrebbe perdere la voglia di covare. In bocca al lupo e fammi sapere come va a finire!

Astrid ha detto...

Caro Andrea, sono felice che tu mi abbia risposto. Grazie.
Sta mattina buttato la gallina fuori dal nido e ho visto che ha mangiucchiato un po... Avevo anche messo una borsa d'acqua calda sulle uova perché da noi la mattina fa ancora molto freddo... sono sicura che in natura tutto sia autoregolato, ma non volevo correre altri rischi!!!
Se nasceranno i pulcini (mancano 4 o 5 giorni ormai)te lo faro sapere.
Grazie ancora!

Astrid ha detto...

Caro Andrea,
oggi siamo al 25mo giorno di cova... ma niente pulcini...
Credi che ormai non ci sia piu' niente da fare? La gallina continua a covare, cosi' ancora non voglio toglierle le uova... non si sa mai...

Andrea Mangoni ha detto...

ciao Astrid,
mi spiace, purtroppo temo che ci sia poco da fare... aspetta un altro paio di giorni, poi togli le uova e prova ad aprirle per vedere cos'è successo. è probabile che se la chioccia era troppo assidua le abbia letteralmente lessate col calore del suo corpo.
in bocca al lupo e a presto!

Astrid ha detto...

Mi sono decisa... e ho aperto un uovo. Ho trovato un embrione ancora poco sviluppato, e tanto tuorlo... sigh :(

Andrea Mangoni ha detto...

...purtroppo lo sviluppo dell'embrione si è interrotto molto presto. qualcosa è andato storto nei primissimi giorni... bisognerebbe cercare di capire COSA. In bocca al lupo per la prossima covata, vedrai che le cose andranno meglio! Ciao!

Anonimo ha detto...

buongiorno Andrea io e mio cognato abbiamo comprato un gallo Sumatra con due galline della stessa razze hanno gia depositato una 8 uova e l'altra 7 abbiamo possibilita di vederle covare viste che tutti dicono che non ci sono speranze dimenticavo non sono mai state chiocce grazie ciao

Andrea Mangoni ha detto...

ciao,
io non conosco la razza Sumatra abbastanza per sapere sedi norma le galline siano buone chiocce, ma posso dirti che un mio caro amico ne ha avute alcune che covavano meravigliosamente bene. l'istinto alla cova però è presente in maniera diversa anche all'interno sella stessa specie, a volte. Nelsito della FIAV dovresti trovare l'indirizzo di Sabina Tonetto, grande allevatrice di Sumatra, lei credo sappia rispondere al tuo quesito meglio di me. ciao e in bocca al lupo!
Ps letue femmine in passato hanno avuto modo di covare e hanno evitato di farlo? Voglio dire, gli hai lasciato le uova e tutto il resto? in questo caso ammetto che le speranze sono pochine...

Anonimo ha detto...

ciao Andrea prima del nostro acquisto non hanno mai avuto modo di covare anche perche sono state prese in allevamento quindi tutti i giorni ritiravano le uova.da quando le abbiamo portate nel nuovo pollaio con cento metri di verde con annesso ricovero di circa 12 metri quadri hanno iniziato a fare le uova nelle varie cassette da il primo giorno sono ancora tutte la piu o meno una decina di giorni ciao e grazie

Anonimo ha detto...

Ciao, sto leggendo il blog perchè spero che una delle mie galline diventi chioccia e i tuoi consigli mi sembrano utili. Volevo chiederti, visto che ho una pavona che ha fatto 4 uova e si stà preparando a covarle (covano 28 gg.)e ho delle uova di gallina gallate, se secondo te è meglio che gliele metta subito in mezzo alle sue e toglierle i pulcini alla nascita (coverà ancora le sue uova per 1 settimana?) oppure inserirgliele dopo una sett. di cova per farli nascere tutti insieme? sono indeciso.... ti ringrazio anticipatamente.
Ivano.

Andrea Mangoni ha detto...

@Anonimo: capisco. in generale le galline iniziano a sentire l'istinto alla cova dopo aver deposto (e visto rimanere nel nido) dalle 7 alle 15 uova. Qualche volta di più. non credo mi sia possibile fare previsioni su come si comporteranno quindi le signore Sumatra!
@Ivano: io di solito se le uova sono deposte da poco preferisco inserirle più tardi in modo che tutti i pulcini nascano insieme. se invece sono già diversi giorni che attendono di essere covate, mettile subito e togli i pulcini non appena nascono, sperando che la pavona non decida di abbandonare la cova comunque per tentare di dedicarsi ad essi. Un grande in bocca al lupo e fammi sapere come finisce!

Cristian ha detto...

Ciao Andrea!ho notato da ieri che la mia gallina nana ha cominciato a covare un paio di uova.posso mettergli sotto delle uova gallate di altre galline?al massimo quante ne posso inserire in totale?

Andrea Mangoni ha detto...

ciao Cristian, dipende tutto dalle dimensioni della chioccia e dalla sua abilità. in generale devi mettere un numero di uova tale che la gallina riesca a coprire bene senza che ne esca nessuna. questo può variare dalle 4 alle 7 uova normali per una gallina nana. ti consiglio comunque di provare a vedere e di usare nidi a base circolare (secchi) di piccole dimensioni in modo che la gallina abbia un nido molto raccolto. ciao!

Cristis ha detto...

Grazie Andrea della tua disponibilità e dei tuoi suggerimenti molto interessanti!sicuramente in futuro avrò bisogno dei tuoi consigli molto utili, sempre sè non ti dispiace.Ciao

Andrea Mangoni ha detto...

sono qui! se hai bisogno puoi contattarmi anche direttamente a info@oryctes.com. ciao!

Astrid ha detto...

Caro Andrea,
ti avevo scritto agli inizi di Aprile riguardo alla disavventura della mia prima chioccia. Oggi ho buone notizie. La mia seconda chioccia aveva cominciato a covare anche lei, cosi anche a lei ho procurato delle uova fecondate che avevo posto sotto la sua pancia. Oggi, come da manuale, 21 giorni dopo, le uova si sono schiuse e sono nati dei graziosi pulcini. Evviva!

Andrea Mangoni ha detto...

ciao Astrid, congratulazioni vivissime!! Proprio una bella notizia! in bocca al lupo per l'allevamento!

Anonimo ha detto...

Ciao Andrea, ho una gallina nana che ho messo a covare dentro il pollaio recintando una piccola parte...però questo spazio che ho riservato per lei è all'aperto ed è riparata soltanto da una cassetta della frutta dove dentro ho messo della paglia...volevo sapere se secondo te va bene come l'ho sistemata o devo cambiare qualcosa?Il fatto che sia all'aperto può creare problemi?Poi volevo sapere anche se è vero che se con un forte rumore il pulcino che si forma dentro l'uovo potrebbe morire.
Grazie in anticipo =)

Anonimo ha detto...

*recintanto

Anonimo ha detto...

*recintandoo :)

Luigi ha detto...

Ciao Andrea, ho trovato molto interessante questo portale e le informazioni in esso contenute. Ho tre domande da porgerti in merito alla chioccia: 1- nel mio pollaio si sono posate sulle uova due galline (di razza grande, anche se non so nello specifico a quella appartengano, comunque galline normali), ebbene, i due nidi su cui giacciono le chiocce si trovano uno di fronte l’atro, a distanza di circa mezzo metro o poco più. Siccome la nascita della prima covata è prevista per il 20 maggio, mentre quella della seconda il 25 (cinque giorni dopo la prima), la gallina che si è posata cinque giorni dopo la prima potrebbe esser indotta ad abbandonare la sua covata una volta nati i pulcini della prima? Se sì, è meglio spostare il nido della prima gallina in una gabbia, casomai due giorni prima o un giorno prima della nascita dei suoi pulcini? La chioccia in questione potrebbe abbandonare la sua cova, una volta trasferita nella gabbia?
2- E’ vero che conviene sottrarre alla chioccia i primi pulcini nati, in modo da permettere a tutte le uova di schiudersi, e quindi poi, rimettere i pulcini precedentemente sottratti di nuovo con la mamma? Anche perché la chioccia potrebbe abbandonare le uova non schiuse una volta nati i suoi primi pulcini. E’ così?
3- Ho già predisposto due gabbie separate per accogliere le due mamme chioccie con i pulcini, in generale, è meglio aspettare che prima i pulcini nascano per poi trasferli in gabbie; oppure farlo il giorno o due giorni prima della schiusa delle uova? La mamma, in seguito al trasferimento in gabbia, potrebbe decidere di abbandonare la covata anche ad il giorno prima dalla nascita dei suoi pulcini? Grazie per l’attenzione. :-)

Luigi ha detto...

Un ultimissima cosa in riferimento alle mie due galline chiocce, siccome i nidi in cui covano sono sì in un posto appartato e al coperto, ma comunque di accesso anche alla altre galline, e siccome la altre galline sono abituate a fare le uova in quei nidi dove covano le chiocce (tant'è che spesso devo sollevare le chiocce per togliere le uova deposte dalle altre galline) bene, volevo sapere, se è presto spostare la chioccia con tutto il nido e metterlo in una gabbia, lontano dalle altre galline. Le gabbie sono comunque abbastanza spaziose, saranno più o meno 1,50m di lunghezza, per 60 cm di altezza. Grazie.

Andrea Mangoni ha detto...

@Anonimo: la cosa più importante è che la povera chioccia sia riparata dalla pioggia e dai venti dominanti. per cui dovresti garantirle qualche tipo di copertura. per il discorso dei rumori, non saprei che dirti. credo che delle vibrazioni molto forti possano danneggiare lo sviluppo dell'embrione, specie nelle fasi iniziali dell'incubazione.
@Luigi: io ti consiglierei di dividere le due chiocce, per evitare che una possa credere che l'altra le stia "rubando" dei pulcini. puoi cercare di fare una sorta di divisorio, spostandole subito dopo la nascita dei pulcini ognuna in una gabbia capiente. le chiocce possono abbandonare la cova, ma se il trasferimento avviene di notte come descritto nell'articolo il rischio è molto ridotto, e se la gallina ha avuto modo di avere sotto di sé i pulcini neonati per qualche ora si azzera del tutto. se mantieni la chioccia coi pulcini un un ambiente molto stretto, in modo che i primi nati non si disperdano, essa continuerà a covare almeno un altro giorno; in alternativa dovrai provare a prelevare i pulcini appena nati e a spostarli sotto la lampada fino alla schiusa degli ultimi nati.
puoi spostare le chiocce quando vuoi, anche dopo solo 4-5 giorni di cova, basta che lo fai di notte come descritto nell'articolo. sarebbe sempre opportuno separare le chiocce dalle altre galline. ciao!

Luigi ha detto...

Grazie :)

Luigi ha detto...

Prima covata terminata con successo, su 17 uova se ne sono schiuse 10... il giorno prima che nascessero i pulcini sono andato a controllare la chioccia ed ho visto che le uova erano appena lesionate e si sentiva qualche pigolio, allora ho preso una cassetta di plastica e l'ho messo sopra al nido della chioccia, in modo che non si alzasse appena nati i primi pulcini. Nati i primi pulcini(all'inizio 7)ho aspettato che si asciugassero e glieli ho tolti subito, ho tolto le uova sciacque e ho ricollocato la chioccia sulle rimanenti uova con la cassetta rovesciata sul nido in modo da non farla alzare... il giorno dopo ne sono nati altri 3. Avevo paura che non riconoscesse i pulcini che le avevo precedentemente tolto, invece, appena li ho messi tutti e dieci insieme se li è messi sotto di lei e non si è mossa. Adesso è al sicuro con tutti i suoi pulcini. La gallina che covava (e cova) a fianco a lei è rimasta indifferente a tutto ciò, ben "agguattata" sulle sue uova non se ne è importata proprio, lì è rimasta. Ho avuto timore ha spostare la prima chioccia, le gabbie sono sì coperte e ben chiuse, però stanno fuori, e con questo freddo e questa pioggia ho pensato che era meglio farla rimanere lì. :-)

sandra ha detto...

Ciao,stavo leggendo il tuo blog e ho pensato che forse puoi essermi di aiuto!!!! Questa mattina mi sono accorta che una delle mi galline sta covando purtroppo con uova non feconde , quelle di mia madre invece lo sono ma erano nel frigo ,pensi che scambiando le uova possano nascere dei pulcini??? Grazie aspetto presto una tua risposta!!

Gianni ha detto...

Ciao Andrea io trovo che tu sia un vero fenomeno di competenza in materia!!!grazie ai tuoi consigli la mia gallina nana e riuscita a fare la prima covata. oggi sono nati i primi 3 pulcini su 8 uova. e stata una emozione grandissima credimi!per loro ho realizzato una gabbia di 4 metri quadrati con rete a maglie strettissime,a terra della segatura potrebbe andare bene? e oltre il mangime della chioccia,ci metto in un recipiente separato il mangime per pulcini? grazie ancora.

Anonimo ha detto...

Ciao Andrea volevo chiederti perchè il mangime delle ovaiole fa morire i pulcini appena nati.
grazie in anticipo :)
Simone

Andrea Mangoni ha detto...

@Sandra: mi spiace risponderti in ritardo. le uova da frigorifero hanno scarse probabilità di dare dei pulcini, ma se non sono state in frigo per più di due-tre giorni qualcosa puoi ottenere.
@Gianni: c'è gente tanto più esperta di me, credimi! Io cerco di fare il possibile. la segatura a terra non è importante se il fondo è in rete, ma se la metti scegli il truciolo depolverato da lettiera e aggiungilo solo dopo che i pulcini hanno imparato a riconoscere il proprio mangime. ti consiglio di dare solo direttamente mangime primo periodo con coccidostatico, eliminando quello per la chioccia: tanto la mamma mangerebbe comunque di preferenza il mangime dei pulcini tralasciando il proprio!
@Simone: il mangime delle ovaiole di per sé non fa morire i pulcini, certo che se glie lo fornisci in pezzatura troppo grossa non lomangiano. C'è da dire che i pulcini potrebbero morire di coccidiosi perché il mangime per ovaiole non è addizzionato con coccidiostatico, ovverosia con una sostanza che blocca lo sviluppo dei coccidi. per cui ti consiglio sempre di non lesinare e di comprare per i pulcini il mangime primo periodo con coccidiostatico. ciao!

Andrea Mangoni ha detto...

@Luigi: ottimo, sono contentissimo dei tuoi risultati! spero stiano crescendo al meglio. nelle prossime incubate ti consiglierei di lasciare meno uova alle galline, sulle 12-14 uova massimo, per facilitare la cova. ciao!

Luigi ha detto...

ok... Per Andrea: E' vero che per facilitare la schiusa delle uova è un buon metodo inumidirle leggermente con dell'acqua, avvalendosi di uno spruzzino? Ovviamente questa operazione va fatta il giorno prima della schiusa delle uova o meglio ancora, quando ci rendiamo conto che si stanno schiudendo. Te lo chiedo perchè mi è capitato che 2 pulcini non sono riusciti a rompere il guscio con il becco e sono rimasti "intrappolati", quindi sono morti... mannaggia, se me ne fossi accorto prima!!

Andrea Mangoni ha detto...

Luigi, questo è un problema che dovrebbe porsi di più con le uova in incubatrice che con quelle della chioccia! In realtà basterebbe trovare anche solo un altro modo per alzare l'umidità ambientale. non è necessario per forza di cose lo spruzzino!

Luigi ha detto...

ok, grazie... la seconda covata non è che sia andata benissimo, sono nati 9 pulcini su 18 uova (la metà), 4 sciacqui e 4, per l'appunto, non sono riusciti a rompere il guscio e sono morti intrappolati. Siccome non ne sono nati molti, ho pensato che non valesse la pena tenere una chioccia ( di quelle grandi) con soli 9 pulcini ed un'altra con 10, allora i 9 ultimi nati li ho messi insieme alla prima chioccia, e fortunatamente se li è tenuti (è proprio una mammona!)anche perchè sono nati solo 1 settimana dopo i suoi, adesso lei sta allevando 19 pulcini in tutti. L'altra chioccia a cui ho tolto i pulcini l'ho rimessa a covare, ma questa volta le ho messo 10 uova sotto, non di più, anche perchè non voglio che si stanchi troppo. Dicono che se togli subito i pulcini nati da sotto la chioccia, quella, con molta probabilità continui a covare... sembra che le uova se le tenga, sono passati già 4 giorni, speriamo bene. :-)

ANNA ha detto...

Ciao!
ho due galline (madre e figlia) che hanno iniziato a covare nella stessa cassetta...volevo sapere se conviene allontanarle l'una dall'altra.inoltre posso aggiungere altre uova alla covata che però ho conservato in frigorifero?
è normale che siano un pò giù di corda?non si muovono quasi!
grazie mille
anna

Andrea Mangoni ha detto...

@Luigi: mi raccomando, cura molto l'alimentazione e il moto della chioccia che sta portando a termine la seconda covata, altrimenti rischi che muoia per lo sforzo! e ricorda, solo poche uova per chioccia per avere buoni risultati.
@Anna: sì, dividi sempre le galline che covano insieme, altrimenti avrai un gran numero di uova che si raffreddano e pochi pulcini schiusi. in cova le galline si muovono molto poco, ma devono uscire ogni giorno per mangiare, bere e defecare. le uova del frigo in genere danno scarsissimi risultati. ma provare può non costar nulla. ciao!

Anonimo ha detto...

Ciaoo andrea ho letto quello che haii scritto ho 6 galline nane di cui 3 si mettono a covare... Dopo un po non hanno piu covato ma ora una di loro si e messa a covare siccome e la prima volta ho raccolto 4 uova fecondate riuscirà a farli schiudere?? Ho provato a spostarla dal pollaio ma non ce stato verso e ritornata di corsa dove era prima... Ce la farà lo stesso?? E tre giorni ke cova giâ nel pollaio :) dammi un consiglio

Fabio Cantarella ha detto...

Ciao Andrea,
complimenti per il sito e la chiarezza nella comunicazione. Puoi dirmi se c'è un periodo ideale per la cova o se va bene tutto l'anno?

Andrea Mangoni ha detto...

@Anonimo: le gallinelle nane di solito non hanno problemi a portare a termine le covate, ma come ho scritoo nell'articolo per spostarle bisogna avere delle accortezze, come ad esempio spostarle di notte in modo che non si stressino e che non tornino a covare dov'erano prima... ovviamente se le sposti di giorno torneranno subito dove avevano fatto il loro nido, a prescindere dalla presenza delle uova o meno. per cui o le sposti di notte o le isoli nel pollaio con un piccolo recinto.
@Fabio: la cova può essere lasciata fare tutto l'anno, ma in generale il periodo migliore va da marzo a maggio, così i pulcini possono crescere più sani e forti. ciao!

Anonimo ha detto...

Ok va bene :-) lo isolata dalle altre galline sembra stia andando tutto bene mancano 6 giorni alla nascita la mia chioccia non si é mossa per niente speriamo non lasci la cova :) sono ansioso grazie per il consiglio

Anonimo ha detto...

Che meraviglia oggi ho fatto la speratura delle uova la luce non filtra e un buon segno?? Quando ho preso un uovo si è sentito una leggera vibrazione che meraviglia peró siccome e la mia prim volta ho paura che no. Nasca nessun pulcino e un buon segno?? Speriamo di si aspetto con ansia domenica

Anonimo ha detto...

La cova è andata a meraviglia un piccolo e giá nato :) ke bello grazie di tutto :) ciaoo

Anonimo ha detto...

ciao il mio pulcino( nato il 15 agosto )il 27 l'ho trovato zoppicante ha una gamba l'ho steccata come ho potuto e il 1 l'ho tolta e sembrava non avesse più niente fino ad oggi che però è come se ha perso la forza da entrambe le zampe e non mi sembrano rotte però..volevo sapere se c'è qualcosa da fare. grazie

Andrea Mangoni ha detto...

@anonimo 1: bene, sono felice che questa avventura si stia concludendo positivamente! In bocca al lupo per tutto!
@anonimo2: non so come aiutarti, non sono un veterinario e purtroppo non posso - nè sono in grado - fare diagnosi a distanza, specie con così pochi elementi. sono decine le malattie che colpiscono le zampe dei polli, e molte si manifestano in giovanissima età; a queste vanno aggiunti i problemi derivanti da errati parametri di incubazione e tare genetiche da consanguineità. purtroppo non so esserti d'aiuto, mi spiace.

marco ha detto...

Buongiorno Andrea,
grazie per questa pagina interessantissima e di grande aiuto.
Ho un gallo e una gallina valdarno nere e una ovaiola rossa; vorrei fare covare la valdarno, ti chiedo solo un paio di cose:

- si avvicina l'inverno, è meglio toglierle le uova oppure già lei d'istinto sa che non è il momento ideale?

- ho un pollaio di quelli prefabbricati con una "stanzina" per la cova, (in pratica ci sta solo la gallina per lasciare l'uovo), ammesso che si metta a covare li dentro l'altra gallina rossa, abituata a depositare l'uovo li, come si comporterà? potrà dare fastidio alla chioccia?

- una volta avuti i pulcini è meglio creargli un recinto a se nel pollaio o posso allevarli io in casa senza la chioccia? lo dico per miglior difesa dai predatori.

Grazie per condividere le tue esperienze.

ciao!

Andrea Mangoni ha detto...

ciao Marco, e scusa per il ritardo nella risposta.

-se la gallina vuole covare e tu pensi di poter garantire alla prole un ambiente confortevole, falla pure covare. una chioccia che voglia covare riuscirà a portare a termine la sua covata in qualunque stagione, e anche a crescere i piccoli in maniera encomiabile. Ho visto una chioccia nana uscire il giorno di Natale dal suo nascondiglio con 15 pulcini... non aggiungo altro.
-sì, certo, l'altra gallina vorrà continuare a deporre lì, dovrai spostare la chioccia altrove, al limite anche in una gabbia di dimensioni adeguate, se vorrai che non venga disturbata.
-i pulcini possono essere tenuti in gabbia con la madre, se la gabbia è abbastanza spaziosa (almeno 1m x 50x50) oppure allevati in casa con riscaldamento artificiale(lampada a infrarossi). io quando ho la fortuna di avere una chioccia o una balia uso sempre lei.
ciao!

- una volta avuti i pulcini è meglio creargli un recinto a se nel pollaio o posso allevarli io in casa senza la chioccia? lo dico per miglior difesa dai predatori.

Elisabetta ha detto...

Ciao Andrea, avrei una domanda. Ho un piccolo pollaio con circa 5 galline e tre galli, in questi giorni, credo ieri, mi sono accorta che sono nati dei pulcini (è la prima volta, altre cove non avevano mai dato niente. Cosa devo fare? Lacio la gallina nel pollaio con i suoi pulcini e tutte le altre galline o devo isolarla per forza? Grazie in anticipo .

Andrea Mangoni ha detto...

ciao Elisabetta, sarebbe meglio isolarla dagli altri polli. puoi fare una recinzione adeguata dentro il ricovero notturno o meglio una grossa gabbia (1m x 50cm x 50cm). Le altre galline e i galli potrebbero altrimenti anche predare i piccoli nati.
complimenti per la schiusa e buona fortuna! Facci sapere!

salvatore ha detto...

ciao Andrea , ho una coppia di o-shamo la cui femmina ha deposto per varie settimane un uovo al giorno che io ho raccolto sistematicamente per la mensa, poi un giorno ho visto che la femmina non si muoveva dal nido perchè probabilmente si è messa a covare, mi chiedo è possibile che si sia messa a covare 2 o 3 uova soltanto? comunque io ne avevo alcune da parte e a distanza di 4 giorni glie le ho messe nel nido, cosa mi suggerisci a proposito del maschio, lo debbo isolare o può stare nello stesso sito? potrebbe disturbare la cova?, inoltre poichè non abito nei pressi del pollaio non posso controllare se la femmina mangia oppure no, che fare?

Andrea Mangoni ha detto...

ciao,
sì, è possibile che si sia messa a covare con pochissime uova. ora il problema èun altro: se si schiuderanno i pulcini dopo un giorno la chioccia abbandonerà le uova da te inserite 4 giorni dopo. ti consiglio di togliere i primi pulcini immediatamente alla nascita, e di riaggiungerli di notte dopo che sono nati gli altri. il gallo può restare se non è aggressivo con la femmina, anche se sarebbe meglio isolare la chioccia. Cibo: non puoi fare molto, se non sei presente. sarebbe da farla alzare ogni giorno per farla mangiare e defecare, ma in verità se non puoi farlo la cosa migliore è metterle cibo e acqua abbastanza vicina che lei li veda, ma appena fuori dalla portata del suo becco, per indurla ad alzarsi. in bocca al lupo!

salvatore ha detto...

Grazie Andrea, i tuoi consigli sono preziosi e visto che sono un neofita ti sarei grato se rispondessi ad un'altra domanda, cosa non occorre mai fare nelle vicinanze del luogo di cova che possa disturbare a tal punto la chioccia a smettere? il tentativo di toglierle i primi nati non potrebbe scatenare una reazione violenta della madre? non dimenticare la natura degli o-shamo.
grazie!

Andrea Mangoni ha detto...

ciao, è meglio evitare di andare troppo vicino all'animale e di fare rumori che lo possano snervare.in verità dipende tutto dal carattere dell'animale: ci sono esemplari nervosissimi che smettono di covare seli guardi storti, e altri che invece continuano sempre e nonostante tutto. per il togliere i pulcini,se la chioccia è aggressiva conviene agire di notte per causarle meno stress. idem per reinseriree i pulcini sotto di lei. ciao!

Anonimo ha detto...

ciao,complimenti,sto imparando un sacco di cose.
Ho tre galline di cui una ha deposto l'anno scorso senza far altro(mangiapaneatradimento).Delle altre due(mamma e figlia),la figlia(1 anno)ha deposto e covato e sono nati 3 pulcini dopo 20,21,22 gg..
Dopo quanti giorni separare i pulcini dalla madre e dove trovo il mangime specifico per loro?
P.S.Ho trovato un topone morto a fianco della cassetta.Ho una gallina rambo!grazie Marcello

marcello ha detto...

aggiungo:per la gabbia per i pulcino ho una sistemazione in muratura 100x60x50 pero' è a livello di pavimento,potrebbe andare??grazie.marcello

marcello ha detto...

Aiuto Andreaaa....oggi,a distanza di alcuni giorni,con la gallina sempre covando le ultime uova,ho trovato i tre pulcini morti sotto la gallina stessa e dopo che li ho tolti(uova,e pulcini cadaveri) la gallina si è rimessa a covare.Ma che devo fare??? aiuto la prego....marcello

Andrea Mangoni ha detto...

allora, Marcello, i problemi possono essere due:
1) la chioccia ha una cassetta troppo piccola e/o lei è troppo grossa: muovendosi, ha schiacciato i pulcini.
2) la chioccia alla prima cova riconosce a fatica i pulcini come propri figli e li uccide a beccate. in questo caso troveresti ferite profonde sul loro corpo.
mi viene da pensare che il tuo sia il primo caso; in questo senso, i pulcini e la madre andrebbero spostati in una cassetta bassa nella gabbia definitiva (come dimensioni quella che citi va bene, ma non riesco a capire come sia strutturata...), in modo che la madre possa continuare a covare mentre i piccoli si allontanano. in genere la chioccia viene divisa dai pulcini attorno al mese di vita. in questop caso, rimetti subito le uova buone sotto la chioccia, se credi che possano nascere ancora pulcini, altrimenti perderai i possibili nati; oppure cerca di far schiocciare la gallina e attendi la prossima occasione; oppure procurati altre uova fecondate e mettile subito sotto di lei. è importante mettere le uova alla chioccia tutte insieme, non dovrebbe mai avere uova a diversi stadi di incubazione per evitare nascite scaglionate che le farebbero abbandonare la cova.
in bocca al lupo e facci sapere!

marcello ha detto...

grazie Andrea.
Purtroppo non ho uova!un'altra gallina(di piccola taglia)le deposte,ma non ha mai avuto l'idea di diventare chioccia e tutt'ora,a distanza di quasi un anno,non ha ancora rideposto(valla a capire).Ho letto qui nel blog della separazione,ma era solo 3 giorni e mi accingevo a farlo.
La precedente covata,una gallina ha fatto tutto da sola senza il mio intervento,nemmeno per il mangime e dopo pochi giorni,il pulcino era in giro dietro la madre per il giardino(quel pulcino era la gallina che ha soffocato i pulcini adesso.
Per adesso grazie

marta ricci ha detto...

salve andrea e a tutti i fun di questo froum,
io ho delle gallinelle nane e un mese fa una gallinella era diventata chioccia e mia nonna per caso gli aveva levato le uova buttandole.
io vorrei sapere più o meno se ridiventerà chioccia e più o meno tra quato tempo.
grazie mille

Andrea Mangoni ha detto...

ciao marta, mi è impossibile fare previsioni su quando ritornerà ad essere chioccia la tua gallina. in generale PROBABILMENTE se le darai modo, una volta ripreso a deporre, di accumulare nel nido una decina o più di uova probabilmente tonrerà ad essere chioccia.

marta ricci ha detto...

grazie mille andrea,
siccome la gallina ha gia ricominciato a deporre le uova dai consigli che mi hai dato penso che ricomincerà a covare tra qualche settimana.
ciao e grazie ancora.

Anonimo ha detto...

che pulcino esce tra una gallina di razza nana e un gallo di razza normale????

Andrea Mangoni ha detto...

...esistono centinaia di razze nane di pollo e centinaia di razze grandi di pollo, oltre ai milioni di ibridi, per cui è impossibile dirti a priori cosa uscirà dal punto di vista estetico, ma di certo saranno animali di taglia intermedia tra i due.

la fattoria ha detto...

Ciao andrea mi son nati dei pulcini con le remiganti storte, non mi è mai capitato, mi chiedevo quale fosse la causa e se posso intervenire ora che hanno 3 giorni....?

Andrea Mangoni ha detto...

potrebbe dipendere da molti fattori, ma in generale spesso si tratta di difetti genetici dovuti a consanguineità oppure a condizioni di incubazione sbagliate. Purtroppo non ho idea di come aiutarti, perché credo che non sia un difetto correggibile!

ps sei sicuro che non si tratti di una razza frizzle?

Anonimo ha detto...

Ciao andrea! Bellissimo il tuo sito! Ho due domande, sono alla prima esperienza di chiocce... Una mugellese e una tacchina. La mugellina purtroppo a meta cova ha abbandonato, e temo sia per i parassiti notturni... Nonostante i miei continui tentativi di igenizzazione.. Ho pensato di dare le sue uova alla tacchina che le ha prese... La distanza di schiusa tra le due covate sarebbe stata di una settimana circa, percio non so se ho fatto bene, ma quello che piu mi da da pensare e' che i primi che aveva la tacchina non sono nati, nessuno! E le tacchine ne tengono tante... Ho due galli sempre attivi e 20 galline... E' possibile che nessuna sia gallata?!!! Grazie lara

Anonimo ha detto...

Ah! La seconda domanda e' come fare a eliminare questi parassiti tremendi?! Con le due chiocce, anche se ora e' una , i parassiti succhiasangue sono dappertutto e non so piu cosa usare!!!! Cerco di usare cose naturali ma o sbsglio, o non funziona nulla!!!! Aiuto!!! Lara

Andrea Mangoni ha detto...

Ciao Lara,
purtroppo mi è impossibile dirti cosa possa essere successo, ma mi vengono in mente due differenti soluzioni. primo, la tacchina non è un'abile chioccia e si alza troppo spesso dal nido, facendo raffreddare troppo le uova; secondo, è una chioccia troppo accanita e non si alza mai dal nido, facendole letteralmente lesse col calore del suo corpo! Che con quel rapporto maschi-femmine tu non abbia uova gallate, mi sembra impossibile.
Purtroppo i parassiti che affliggono i tuoi polli sono gli acari del genere Dermanyssus, e sono molto difficili da eradicare... a volte penso ci vorrebbe un miracolo! Puoi trovare informazioni a riguardo (e qualche suggerimento per la disinfestazione) in questo vecchio articolo:

Due pericolosi ectoparassiti, Dermanyssus gallinae e Menopon gallinae, ovvero acari e pidocchi pollini

in bocca al lupo e facci sapere come va!

marcello ha detto...

la mia gallina ci ha riprovato.Solo che ha covato anche l'altra.Risultato,due pulcini chiari e due scuri.Adesso sono in simbiosi allevando i pulcini.
Due madri e un padre.Il mondo che cambia!

Anonimo ha detto...

Andrea grazie grazie davvero! E' stupendo il tuo lavoro e sono felice di trovare persone che amano animali considerati insignificanti come le galline, grazie per la tua preziosa risposta! Credo che la tacchina sia allora una chioccia troppo accanita.... Si alza solo per i bisogni per il resto e' incollata li. Purtroppo ormai credo che anche le uova aggiunte della gallina che ha rinunciato non abbiano avuto esito, non so che fare perche a questo punto dovrebbe abbandonare il nido, ma non mi sento di cacciarla via... Credo pero che dovrebbe riprendere le forze!!! Che faccio? Cerco dei pulcini da farle adottare o le do nuove uova? Non credo che sia sano pero per lei... Sara stanca... E magari anche depressa per non aver avuto i suoi piccoli... Mi dispiace per lei...! Grazie per i tuoi consigli leggero subito l'articolo di disinfestazione. Grazie grazie grazie Lara

Andrea Mangoni ha detto...

Marcello: Già, siamo in un mondo in perenne cambiamento!
Lara: se la tacchina si alza per andare a defecare e a nutrirsi va benissimo. controlla che rimanga fuori dal nido per almeno 5-10 minuti. non saprei cosa consigliarti. ho visto tacchine fatte covare per anche 5 mesi consecutivi, ma simili pratiche portano a un grave stress per l'animale. al massimo cerca di darle uova un'altra volta e basta, ma poi cerca di farla schiocciare o di affidarle anche solo un pulcino. in bocca al lupo!

marcello ha detto...

ciao,stasera ho contato un pulcino in meno.L'ho trovato morto dove avevo passato il decespugliatore,ma il corpo era integro e apparentemente sanissimo.
E' possibile che si sia allontanato e sia morto di paura?
grazie

Anonimo ha detto...

Sono di nuovo lara... Dopo la tua risposta ho preparato un nuovo nido per l'evenienza e ho trasferito la tacchina( quante beccate mi ha dato!!!!) e lei se ne e' impossessata subito ed e' rimasta li. Ripeto a me dispiace non vorrei insistere perche credo sia stanca, ma credo che voglia proprio essere mamma... Anche perche questo spostamento lo ho fatto in pieno giorno... E meno male!!!! Volevo raccontare questa triste esperienza... Sotto avevapulcini morti e nello spostare le poche uova intere , queste sono letteralmente scoppiate facendouscire altri pulcini morti in una brodaglia terrificante.... Una cosa terribile... Sono rimasta malissimo...!!!intendevi questo dicemdo che le ha lessate immagino.... Mamma mia! Avevo messo del mangiare piu vicino per lei, ma lo ho levato subito aalla triste scoperta, ora deve allontanarsi di piu per mangiare e bere. Spero per lei ed i piccoli che vada bene sta volta... Non vorrei proprio rivedere una cosa cosi triste.. Povere bestioline... Tra 12-13 giorni spero di poterti dire che ho nel pollaio una mamma con le sue creaturine... Scusate tutti per il racconto terribile ma ho pensato che potesse essere un esperienza da tenere conto... Grazie andrea,a presto Lara

Anonimo ha detto...

ciao Andrea!
mi piace molto il tuo blog e lo seguo spesso, trovo sempre consigli utili!
ho delle galline, sono una razza catalana si chiamano penedesenca blat (forse si traducerebbe granera..?), non so se le conosci, se cerchi in internet si trovano le foto. avevo una chioccia che ha fatto quattro pulcini, li avevo messi in una gabbia con la mamma, pur avendo lasciato la gabbia nel pollaio con le altre, le altre galline attraverso la gabbia sono riuscite a prenderli e mangiarseli (non è una supposizione, ho assistito alla terribile scena) e ora sono tre giorni che la chioccia continua a comportarsi come tale, li chiama, li fa vedere dov'è il mangiare.. insomma ha quel comportamento tipico delle chioccie che crescono i loro pulcini, per quanto non gliene rimanga nemmeno uno.. non so bene che fare, mi fa un po' pena povera.. se le bagno le zampe in acqua fredda smetterà di essere chioccia o quello funziona solo quando covano?
visto che ci sono ti faccio un'altra domanda..
in autunno ho avuto un'epidemia tra le mie galline, sono morti tutti i galli e tutti i pulcini giovani prima che capissi cosa fosse e potessi farci qualcosa, dimagrivano eccessivamente fino a morire, ho aperto dei soggetti morti e nell'intestino avevano delle specie di tenie grandi, schiacciate bianche, mi hanno dato un prodotto da mescolare all'acqua e mi hanno detto di cambiarle di posto perchè spesso è il suolo contaminato e loro cercando mangiare da terra riprendono le uova. insomma gli ho cambiato di pollaio ma io il pomeriggio le ho sempre lasciate libere, quindi non so se hanno contaminato la zona tutto intorno a casa. fatto sta che pur avendo pulito tutto il pollaio e averle cambiato nuovamente di posto mi sembra che abbiano ricominciato a dimagrire, ha piovuto una settimana intera la settimana scorsa, da quello che ho capito l'umidità aiuta la proliferazione di questi parassiti.
io ogni giorno metto nell'acqua dell'aglio e del pepe nero e spesso noto quelle tenie morte nelle feci, spesso uniti tutti in un fascio enorme ma tutti morti. insomma io non so cosa fare, c'è chi mi dice di eliminare tutte le galline che oramai il terreno e loro sono contaminati, ma faccio riproduzione di razze locali alcune anche in via di estinzione e alcune galline ce le ho da anni e sono il prodotto di tanto lavoro di selezione e incrocio e mi dispiacerebbe davvero perderle. io non uso prodotti chimici quindi ovviamente mi si fa tutto più difficile, avresti qualche consiglio da darmi?
grazie mille per l'attenzione spero poter trovare una soluzione...
cecilia

Andrea Mangoni ha detto...

@Marcello: penso sia più probabile che si sia allontanato dalla madre e che sia morto di freddo, più che di paura...
@Lara: la cova è evidentemente andata male, ma quando intendevo lessate intendevo dire che a volte l'uovo covato troppo assiduamente diventa letteralmente sodo. comunque ovviamente una simile situazione, con la tacchina che resta sopra uova marce e piccoli morti, è da incubo.
@Cecilia: mi spiace, brutta situazione. puoi provare a mettere la gallinella a mollo per qualche istante in acqua fredda, o al limite chiudila in una gabbia molto piccola per un giorno o due. Se non ci riesci, valuta l'ipotesi di prendere un pulcinotto da metterle sotto per darle modo di avere un piccolo. mi fa piacere che tu abbia riportato questa - pur drammatica - esperienza, perché mi dai modo di sottolineare che al contrario di quanto molti credono le galline non solno degli animali miti e gentili, ma che sono animali dal comportamento complesso e dalle spiccate attitudine predatorie, se ne hanno l'occasione.
senza usare dei vermifughi commerciali sarà difficile comunque risolvere il problema radicalmente. passa tutte le pareti dei ricoveri, i posatoi, eccetera e i pavimenti con calce viva. prendi polvere di calce e mescolala alla lettiera, chiudi gli animali nel ricovero notturno per una settimana in modo che le loro feci finiscano tutte nella calce e che muoiano così le uova dei parassiti. Poi passa al parchetto: se puoi, cerca di eliminare il primo strato di 10 cm di terreno e sostituirlo con terreno preso in campagna. Nel prato di solito i parassiti intestinali hanno vita più dura, un vecchio autore diceva che i migliori disinfettanti del terreno sono sole ed erba, e forse aveva ragione. Continua con aglio e pepe, non sono l'optimum ma di certo aiutano. in bocca al lupo per il tuo progetto di salvaguardia di antiche razze, facci sapere come procedono le cose!

Claudio ha detto...

buonasera, un consiglio: ho quattro nanette di cui una il mese scorso si è acchiocciata (sono nate ad agosto) ora siccome di 8 pulcini 7 si sono rivelati galletti, vorrei sperare che le altre si acchiocciassero in breve tempo per non arrivare a luglio con il caldo maremmano a covate multiple come l'anno scorso. Ora di solito levo le uova alle galline alla sera soprattutto per evitare che le sporchino con le zampe...e così una o due galline in passato si sono acchiocciate. Leggendo però i post mi pare di capire che sarebbe meglio lasciare alle galline le uova per alcuni giorni per stimolarle a covare, è sbagliato o ho capito bene? e nel caso come è meglio comportarsi? grazie

Anonimo ha detto...

ciao, mi hanno regalato una chioccia, non mi hanno detto che razza è, come faccio a capirlo?

Andrea Mangoni ha detto...

@Claudio: di solito per stimolare la gallina a iniziare a covare si devono lasciare le uova nel nido, continuando a toglierle di solito si acchiocciano più difficilmente.
@Anonimo: in generale è probabile che l'animale che ti hanno regalato sia un ibrido, se vuoi puoi provare a vedere in tanti siti on line (vedi l'atlante di Agraria.org: Polli - Agraria.org

Anonimo ha detto...

Io di galline non ne capisco nulla,purtroppo e'venuto a mancare mio zio da pochi mesi ed era lui l appassionato di orto e galline....noi nipoti per lui e sapendo di quanto ci tenesse abbiamo continuato il suo operato però ora c e'una gallina che da 10gg non si muove dal suo posto,che vdobbiamo fare?grazie mille marina da Roma









Andrea Mangoni ha detto...

ciao Marina, beh, il tuo commento mi lascia un po' perplesso... l'articolo che hai trovato dovrebbe chiarirti parecchio di quello che significa gestire una chioccia! leggilo, assieme a quest'altro: Note sulla gestione delle chioccee vedi se riesci a trasportare i consigli dati qui nella tua realtà. se poi non ci riesci puoi contattarmi anche direttamente all'indirizzo info@oryctes.com . in bocca al lupo,
Andrea

Anonimo ha detto...

Ciao, sono gioele..la mia chioccia ha abbandonato le uova per qualche ora e si sono freddate. Poi ce l'ho rimessa ma saranno morti gli embrioni?..se gli metto delle uova nuove portera a termine la covata? È gia una settimana che covava!! ..grazie!!

le meraviglie del sughero ha detto...

Buonasera sono contento che esiste una persona come lei

le meraviglie del sughero ha detto...

Oggi una gallina americana mi ha.fatto sconvolgere stava covando in gabbia erano nati due pulcini aveva ancora 4 uova si e alzata e dopp poche svolazzamenti e'' morta davanti hai miei occhi...prima stava bene l'ho tolta e dopo 3/4 minuti era gia dura come mai ?
Ho notato che sulle uova rimaste c'erano alcuni pidocchi ? Mi sa' aoutare a capire cosa e' successo ?

Andrea Mangoni ha detto...

@Gioele: è molto probabile che la covata non sia del tutto compromessa e che nascano dei pulcini.... ma vista l'insistenza con cui in questi giorni mi viene chiesta questa cosa, da tanti contatti e lettori, anche privatamente, dedicherò alla questione un post del blog prossimamente.
@Le meraviglie del sughero: non è nemmeno lontanamente possibile dare risposte certe a quanto è successo, senza ulteriori elementi, ma se hai trovato piccoli pidocchietti rossi sulle uova è possibile che la chioccia in questione sia stata uccisa dai dermanyssus - chiamati anche pidocchi rossi, più correttamente acari rossi - e che sia stata dissanguata e debilitata da questi artropodi. spesso le chiocce sono gli esemplari che più soffrono di questa situazione. puoi trovare maggiori informazioni su questo parassita qui: Due pericolosi ectoparassiti. ciao!

Anonimo ha detto...

Grazie mille andrea! Mi hai dato una bella notizia, sarebbe un peccato se dalle fatiche della chioccia non nascesse niente..speriamo bene!! Gioele

Anonimo ha detto...

Ciao questo blog mi piace molto... Ma volevo che qualcuno mi potesse essere d'aiuto... Volevo provare a mettere le uova sotta alla lampada (quella apposta) dato che l'incubatrice è abbastanza cara... Volevo sapere se poi i pulcini nascono lo stesso? e a che altezza va messa la lampada dalle uova ? Una volta nati i pulcini ce la fanno a mangiare da soli ?

Andrea Mangoni ha detto...

ciao, no, non è così semplice. l'incubatrice fornisce ambiente stabile, umidità, calore e tanto altro che una semplice lampada da sola non può dare. per cui, o ti affidi alle chiocce o ti affidi all'incubatrice.
una volta nati ovviamente dopo 24 ore i pulcini saranno in grado di nutrirsi da soli per bene. ciao!

Anonimo ha detto...

Ciaoo andrea oggi sono passati esattamente 21 giorni da quando ho sistemato la chioccia in nido con 8 uova (gallinella nana nata giusto 9 mesi fa) si sono schiuse 3 uova e sono nati 3 pulcini ora penso che dovrebbero schiudersi altre 3 uova ma ancora niente e non so a cosa pensare perché ho fatto la speratura il pulcino c'é ma ancora niente.. sapresti dirmi perchè? Devo aspettare ancora?

Andrea Mangoni ha detto...

ciao, non posso sapere per quale motivo non siano ancora nati. forse è solo perché sono i primi ad esser stati deposti. aspetta fino al 23°-24° giorno prima di toglierli. ciao!

Anonimo ha detto...

Ciao grazie! Quindi devo aspettare? Ancora non si é aperto nessun uovo eppure il pulcino c'è forse non sono riusciti a crescere perché le ho mischiate le uova cioé ne ho messe 5 di gallinelle nane e 3 di gallina normale forse non è riuscita a scaldarle tutte. Ti faccio sapere domani con oggi sono 3 giorni che sono in incubazione!ciao!

Anonimo ha detto...

Cioé 23 giornii!

Anonimo ha detto...

Salve ho messo 9 uova di gallina nana e tre di gallina normale la gallinella li copre tutti e li ha covati sono passati 21 giorni ma non è nato nessun pulcino,per curiosità ho rotto 1 uovo e dentro c'era il rosso e un pulcino in composizione tutto bianco cosa pensa possa essere successo ? grazie mille

Nicola Cianciotta ha detto...

Salve Andrea
premetto che ho tre galline ibride ( due classiche rosse ed una nera ) che hanno più di quattro mesi ma ne mostrano molto di più. Secondo lei il caldo di questi giorni può influire sulla loro maturità produttiva di uova ? Poi mi hanno regalato una gallina nana che qualche settimana fa e riuscita a far schiudere diverse uova facendo nascere dei bellissimi pulcini. La persona che me la data mi ha detto che lei dato che ha covato queste uova ora per un po di tempo si riposa e non produce più. E vero tutto questo ?? Grazie

Andrea Mangoni ha detto...

@Anonimo: io ho l'impressione che fossero troppe uova per la gallinella, e che lei non sia riuscita a coprirle a dovere. purtroppo non è una cosa infrequente. la prossima volta io ti consiglierei di mettere meno uova.
@Nicola: ammetto di non capire bene il senso della prima domanda. se intendi sapere quando inizieranno a deporre, l'inizio della deposizione è influenzato dal fotoperiodo più che dalla temperatura, poi entrano in gioco alimentazione, stress, eccetera. per la seconda domanda la risposta è sì, la gallina di solito riprende a deporre dopo un mese o più dalla nascita della covata precedente.
a presto!

Anonimo ha detto...

Salve Andrea
Quattro giorni fa una delle mie galline ha fatto il suo primo uovo davvero piccolo. Tre giorni fa era un po più grande e poi l'ultimo che ha fatto dinuovo piccolo. Mi chiedevo se era normale questo sali e scendi (dimensioni) alle uova ? E poi come mai un gioro il guscio a un colore ed un altro giorno ha un altro colore ? grazie

Anonimo ha detto...

Salve Andrea,
abbiamo quattro galline ovaiole, e da qualche giorno due di queste hanno iniziato a covare. Il problema è che non c'è il gallo, quindi stanno covando uova non gallate.
Come dovremmo comportarci? Bisogna togliere loro le uova? Oppure potrebbero restare traumatizzate?
E' necessario cercare uova gallate in modo che possano covarle? Una delle due non mangia e non beve, siamo preoccupati..

Andrea Mangoni ha detto...

@Anonimo 1: le pollastre che iniziano a deporre a volte possono fare uova differenti tra loro, almeno nelle prime settimane. anche il colore delle puova può cambiare, ad esempio nei primi giorni possono farlo più scuro per poi deporne di più chiari successivamente. per adesso quindi non preoccuparti.
@Anonimo 2: le possibilità sono tre. o trovi delle uova gallate da farle covare, o trovi un piccolo pulcino da affidarle, oppure cerchi di farla "schiocciare". nel secondo caso, cerca un pulcino più piccolo possibile e poi mettilo sotto la chioccia di notte. il giorno dopo le toglierete le uova e lei si dedicherà a fare la mamma. nel terzo caso, togliere le uova potrebbe non bastare a farla smettere di covare. mettila in una gabbia con fondo in rete o sbarre, appesa in un posto ombreggiato, per un paio di giorni. dovrebbe sciocciarsi. nel frattempo elimina le uova che stava covando. in bocca al lupo!

Anonimo ha detto...

Spiegazione sicuramente molto esauriente ma volevo solo porti domanda: io ho un pollaio con 5 ovaiole di cui una che rimane molto tempo sul posto quando fa l'uovo ed emette degli strani versi e mi hanno detto che potrebbe covare... Oltre a queste 5 ho anche 2 polli di circa 2 mesi e mezzo ma ho trovato negli ultimi giorni 3 uova fecondate quindi mi viene da pensare che uno di essi sia un gallo anche se quando si avvicina loro una gallina scappano. Comunque volevo sapere se ci fosse un modo per avere dei pulcini considerando la gallina che sembra covare... Grazie in anticipo

Andrea Mangoni ha detto...

ciao, come fai a dire che le uova sono fecondate? Non è facile riconoscere un uovo fecondato da un non fecondo senza incubarli. polli di due mesi e mezzo mi sembrano un po' troppo precoci per coprire le galline, specie se non mostrano ancora alcun carattere sessuale secondario visibile. se la gallina va a chioccia, ti conviene farti dare delle uova da un allevatore che abbia sia galli che galline in età adulta. ciao!

Anonimo ha detto...

Capisco che sono fecondate perché trovo nel centro del tuorlo un puntino rosso. E riguardo alla gallina di cui ti ho parlato potrebbe essere una chioccia anche se ovaiola? Grazie mille

Andrea Mangoni ha detto...

beh, il puntino rosso non vuol dire nulla. il disco germinativo si trova nell'anellino bianco sopra il tuorlo, ci vuole occhio per capire se è fecondato o meno (in base all'opacità), ma di certo NON lo si capisce da un puntino rosso. per cui io escluderei a questo punto che siano feconde. a volte capita che anche le ovaiole vadano a cova, sì, ma spesso non sono le chiocce migliori perché troppo nervose. ciao!

Anonimo ha detto...

Buongiorno Andrea,
la mia gallinella si è messa covare una decina di uova, ma dalla speratura fatta a 12 gg dall'inizio della cova, ho visto che sono tutte infeconde.Il gallo Livornese ha circa 4/5 mesi; canta e si da da fare con le varie galline del pollaio: ma la mia domanda è: non è forse troppo giovane? Cosa mi consigli di fare con le uova? La gallina ho l'impressione che nemmeno mangi e beva e se lo fa, non ne vedo la differenza nella mangiatoia... Come si fa a capire se il gallo effettivamente fa il suo dovere??? Cioè l'ho visto più volte salire sulle galline, ma mi sembra molto frettoloso... Grazie. Noemi

diego ha detto...

ciao, volevo se possibile chiederti un consiglio.
la mia moroseta ieri ha iniziato a covare, ma sono un po preoccupato per il caldo.
il pollaio per la maggior parte del giorno è all'ombra ma comunque le temperature si aggirano sempre sui 30 gradi e forse più!
siccome lei da sola non esce io in genere la tiro fuori la mattina cosi sta in giro 10 15 minuti poi rientra da sola.
consigli di tirarla fuori 10 15 minuti anche la sera?
altrimenti se secondo te fa troppo caldo avrei anche la possibilita di trasferirla in cantina sotto casa dove la temperatura è sempre intorno ai 19 20 gradi anche se fuori ce ne sono 35, ma ovviamente non e come stare nel pollaio. cosa mi consigli?
grazie mille

Andrea Mangoni ha detto...

@Noemi: la Livorno è una razza precoce e a 4-5 mesi un gallo di quella razza di solito copre le galline. una verifica del fatto che l'accoppiamento sia andato bene è il comportamento della gallina, se lei si scrolla le penne dopo l'atto di solito le cose sono andate bene, se resta ferma come se aspettasse qualcosa invece l'atto non è avvenuto. la durata media di un atto copulativo è di pochi secondi. se le uova sono davvero non fertili, toglile e lascia la gallinella in una gabbia sospesa con fondo in rete per un paio di giorni. dovrebbe farle passare la voglia. altrimenti cerca da qualche allevatore uova certamente fecondate e dagliele da covare, sostituendole alle altre. per il cibo, dovrai tu ogni giorno prendere la gallina e liberarla poco lontano dal nido, vicino ad una mangiatoia.
@Diego: mi fai una domanda cui è difficile rispondere. certo per la chioccia sarebbe più agevole covare a 20°, ma per le uova se lei dovesse lasciare la cova per un paio d'ore o più le alte temperature estive sarebbero una maggiore garanzia di sopravvivenza dell'embrione. se la lasci nel pollaio, a prescindere dalla temperatura assicurale una discreta ventilazione della stanza nelle ore più calde; se la trasferisci in cantina fallo di notte per non stressarla troppo. in bocca al lupo!

Erica ha detto...

Ciao, ho trovato per caso il tuo blog...magari tu mi sai aiutare, vedo che sei davvero una persona speciale! ;) Abbiamo preso a settembre 5 pulcini per far vedere ai bambini come crescevano, chiedendo al rivenditore delle femmine in modo che facessero le uova. Ci sono capitati 4 esemplari bianchi grandi e grossi e 1 rosso. Vivono in un recinto da 20mq esposto ad ovest, con una vecchia madia come riparo notturno e una tettoia per pioggia e sole. Verso febbraio i bianchi hanno iniziato a far chicchirichì, anche se esteriormente sembravano femmine (anche un allevatore della zona non li ha saputi distinguere). Uno l'abbiamo ucciso per capire se fosse davvero maschio, ed in effetti lo era. Allora ho scambiato da un contadino 2 dei miei maschi con 3 galline più o meno della stessa età, una bianca piccola con la cresta che ricade di fianco, una bianca col collo nudo e una nera grande. Mi restano ora quindi un maschio e 4 femmine.
Da una decina di giorni circa la gallina bianca col collo nudo si rintana sotto al mobile che fa da pollaio, esce solo per mangiare una volta al giorno per qualche minuto. Credevamo fosse perchè il gallo l'aggrediva sempre, ma probabilmente data l'inesperienza abbiamo scambiato per aggressioni l'accoppiamento, perchè oggi spostando la madia abbiamo trovato un nido con 8 uova! Non sappiamo nè se sono feconde, nè da quanto tempo cova. Si è creata il nido in uno spazio alto 20 cm e largo 50x80, completamente in ombra, anche se "fuori" la temperatura è rovente e tutte le altre galline a sera girano con il becco aperto in cerca di aria. Ha fatto il nido con la paglia che avevamo messo nella cassetta per deporre, ma è un mese che la paglia sparisce misteriosamente, quindi è possibile che fosse lei ad accumularla sotto già da diverse settimane. Mi sembra ancora star bene, e dato che probabilmente cova da una decina di giorni ma ha 8 uova, non so nemmeno se sono di adesso perchè non ho mai trovato più di 2 uova al giorno con 4 galline, tutte di colori diversi, ad esclusione delle due bianche che fanno appunto uova bianche. Quelle che cova sono tutte bianche, potrebbero essere tutte sue...ma avrebbe dovuto deporle in almeno 20gg perchè non ha mai fatto uova due giorni di fila. Insomma, non ho la più pallida idea di cosa devo fare! Tra l'altro, non sapevo nemmeno che esistessero i parassiti dei nidi... Puoi darci qualche consiglio? Ti ringrazio di cuore, Erica

Andrea Mangoni ha detto...

ciao Erica,
ma la madia adesso è tornata al suo posto? se è così, prendi le uova e fai l'operazione di speratura per capire se sono buone o meno. è semplice, trovi le indicazioni in questo post: "La speratura delle uova". se le uova sono buone, lasciale covare alla tua gallina; altrimenti toglila e mettila in una gabbia sospesa per un paio di giorni per farla schiocciare. assicurati che continui a uscire a mangiare tutti i giorni e se puoi stai attenta al proliferare dei parassiti nel nido, magari mescolando alla paglia un po' di polvere di tabacco o spruzzando del neoforactyl (ma solo se ci sono, altrimenti non ne vale la pena!). occhio anche agli altri polli, devi garantire una buona areazione nel ricovero notturno. ciao e in bocca al lupo!

Anonimo ha detto...

Dopo la nascita dei pulcini, quando la gallina ricomincia a depositare le uova?

Anonimo ha detto...

Ciao Andrea, secondo te un gallo di tre anni è troppo vecchio per rendere le uova fertili?

Andrea Mangoni ha detto...

@Anonimo 1: di norma dopo 1 mese, 1 mese e mezzo riprende a deporre le uova e scaccia i primi nati.
@Anonimo 2: uno dei miei riproduttori ha 5 anni... dovrebbe dirla lunga su come la penso ;-)! la fertilità è certo ridotta, ma se l'animale è forte e vigoroso e se ha delle buone caratteristiche di razza ne vale certo la pena. vedi sull'argomento anche questo post: Conviene acquistare un riproduttore anziano?
ciao!

ale ha detto...

non ci vedo nessun amore, ne per gli animali ne per la biodiversità..vedo solo l'egoismo umano, che mette le mani dappertutto, che parla di metodi barbari quando cucivano gli occhi alle chiocce ma che taglia ancora le ali per non far scappare le galline dal pollaio..
gli animali non sono merce, ne tantomeno oggetti..lasciateli stare aguzzini!

Andrea Mangoni ha detto...

caro (o cara?) Ale, ammetto che un simile commento in un post che insegna a gestire la cova naturale mi sembra fuori luogo. forse volevi commentare nel post dedicato a come spuntare le penne delle ali? Non lo so. Credo sia giusto comunque risponderti.
Se posso, evito accuratamente di dire che amo gli animali. Lascio che siano altri - animalisti, vegani, eccetera - ad arrogarsi questo diritto. Io non ho la pretesa di affermarlo così come non pretendo di essere detentore di ogni buon sentimento al mondo nei confronti degli animali. Credo di poter dire però che cerco di rispettarne il più possibile, per quel che mi è concesso, le esigenze vitali, l'etologia, la socialità. Credo anche di poter dire in questi anni dedicati all'avicoltura di aver aiutato decine di persone a curare meglio i propri animali, in maniera più appropriata, facendo sì che potessero evitare quando possibile pratiche che avrebbero procurato uno stress elevato all'animale. SE e quando ho potuto, ho accuratamente evitato di toccare i miei animali con pratiche volte a limitarne i movimenti. Ma se dovevo scegliere tra vedere dei polli troppo vivaci scappare al di là di un recinto e venir sbranati dai cani del vicino, o accorciare le penne di un ala per far sì che imparasse a non oltrepassare quel limite facendo sì che evitasse una simile fine, io di dubbi ne ho avuti sempre pochi. Bada bene che ho scritto "accorciare le penne di un ala": troppo comodo e superficiale dire, come fai tu, "tagliare un'ala". La tua frase implica una vera e propria operazione sull'arto dell'animale, una pratica usata un tempo per uccelli da richiamo ed altri uccelli, anche per i polli, una pratica che rendeva di fatto handicappato a vita l'animale; quello che faccio in quei casi è accorciare le penne dell'ala stessa - e nemmeno tutte! - limitando il volo dell'animale per poche settimane senza causare dolore e limitando al massimo lo stress dell'animale stesso. in pratica, la differenza che passerebbe tra depilarti un braccio e amputarlo.
per quanto riguarda il discorso biodiversità.... io sto contribuendo - attivamente - a salvaguardare parte del patrimonio genetico delle razze avicole italiane. se vogliamo guardare oltre, ho passato anni a salvare cuccioli, soccorrere animali selvatici, proteggere fiori e piante spontanee minacciate, evitare la morte di innumerevoli appartenenti alla cosiddetta fauna minore. Ecco, io non voglio arrogarmi il diritto di dire che amo gli animali, ma posso dire comunque di averne salvati centinaia e centinaia, in maniera pratica, concreta, REALE. Inoltre ho aiutato decine di persone a trattare meglio i loro animali, a rispettarli un po' di più, a fare qualcosa di più per loro. Non sono perfetto, e mai lo sarò, ma non gradisco che qualcuno che non sa NIENTE di me e della mia vita, di quanto ho fatto e di quanto ho protetto entri in casa mia ad insultarmi. Grazie.

Claudio ha detto...

Salve, un consiglio: nel mese di giugno si sono acchiocciate due galline, una ha terminato la cova perfettamente, la seconda invece quando l'ha spostata ha avuto nella prima settimana un comportamento anomalo: si alzava appena sentiva un rumore e poi tornava sulle uova, alla fine le uova erano tutte sporche di feci, oltretutto nonostante le covasse ne aveva deposte altre così da averne 17 (la stazza l'ha per coprirle) e alla fine ne è nato un sol pulcino. Ora l'avevo rimessa nel pollaio ma da giovedì sera la trovo nel nido con le uova delle galline, ma tendenzialmente noto che al mattino è in giro e già in questi giorni ho trovato sotto nuove uova sue perchè le altre galline sono in muta: ora l'ho isolata con uova finte e ha accettato nuovamente nido e uova, ma non sò se farà come la volta scorsa e quindi non le ho ancora messo uova buone,la domanda è quanto tempo può durare questo strano alternarsi tra voler covare e deporre uova?

Anonimo ha detto...

Ciao Andrea, sono gioele, già una volta ho usufruito dei tuoi consigli preziosi, non so se ti ricordi.. Questa primavera ho preso 4 gallinelle di piccola taglia e una é diventata chioccia a fine maggio, mentre le altre stanno ancora deponendo le uova. Vorrei sapere se le galline hanno un periodo preciso per iniziare la cova o se potrebbero iniziare anche adesso. Ci sono degli accorgimenti per favorire il loro diventare chioccia? Grazie! Sei un grande!!

Andrea Mangoni ha detto...

@Claudio: purtroppo non so darti una risposta precisa, si tratta di un comportamento non comune. di norma la chioccia smette di deporre, il fatto che la tua alterni i due comportamenti (cova e deposizione) mi fa pensare che sia un animale nervoso che non riesce a "schiocciarsi" definitivamente. Prova a lasciarla due o tre giorni in una gabbia dal fondo in rete appesa al soffitto del pollaio; in questo modo dovrebbe perdere definitivamente l'istinto alla cova. se poi dovesse tornare a diventare chioccia, spostala in un ambiente riparato come insegnato in questo post e non disturbarla fino a schiusa avvenuta.
@Gioele: non esiste un periodo definito per la cova delle galline, anche se di solito l'acchiocciamento è stimolato dall'arrivo della primavera e da un fotoperiodo crescente. una gallina che possiede l'istinto alla cova di norma comunque inizia a covare dopo aver deposto dalle 8 alle 15 uova. non ti consiglio di provare a indurre la cova, perché questa è una parte della vita di una gallina molto pesante dal punto di vista biologico e indurla artificialmente se la gallina non è pronta può portare a conseguenze anche letali. in generale ricordati che non tutte le galline, comunque, tenderanno a covare... magari per le tue non è ancora tempo, o magari dovrai attendere il prossimo anno.
in bocca al lupo e grazie dei complimenti.

simone aphex ha detto...

ciao ! oggi nel nido ho sentito pigolare, così sono andato a vedere e ho trovato un uovo rotto... ho preso l'uovo e tolto dalla madre poiche girano dei gatti e ho paura che lo mangino.... ora il pulcino è uscito dall'uovo, l'ho messo al caldo ma ancora non si alza in piedi, pigola moltissimo.... cosa faccio? mangiano e bevono subito ? grazie simone.

marcellina ha detto...

Ciao
le mie 7 galline(di cui due galli) razzolano tutto il giorno e becchettano qua e la'.
Ultimamente mi sono dimenticato di ricomprare il mangime ma ho visto che gli basta solo un po' di anguria oltre le loro ricerche.Non è che mi muoiano di fame?Hanno 2000 mq di terrencoltivato a disposizione.ciaograzie

Andrea Mangoni ha detto...

@Simone: il pulcino deve essere tenuto a una temperatura di 37°C, e inizierà a mangiare dopo 24-48 ore. se dopo le 48 ore dalla nascita non è in grado di alzarsi, vuol dire che c'è qualcosa che non va. aspetta che nascano tutti i pulcini, poi spostali con la chioccia in una grande gabbia se hai paura dei ratti.
@Marcellina: no, con 2000 metri di terreno coltivato le tue galline non moriranno di fame, ma nella loro dieta serve ALMENO un'integrazione giornaliera di granaglie. dovrai provvedere a procurar loro una buona miscela con mais, grano, soia, grana verde di riso, avena, da distribuire nel pomeriggio.
ciao!

marcellina ha detto...

grazie Andrea! :)

filippo ha detto...

Ciao,a proposito di quanto detto sopra,ma se si lasciano senza granaglie,le galline sopravvivono comunque nel terreno con erbe varie??
grazie

Anonimo ha detto...

ciao ho un problema con la mia chioccia....sta covando le uova per la prima volta ed è messa dentro una gabbia ultimamente sto trovando delle uova rotte.....è possibile che le rompa lei?

Andrea Mangoni ha detto...

@Filippo: proprio come detto sopra, le galline richiedono un'integrazione in granaglie. il solo pascolo può essere sufficiente ma occorre considerare le dimensioni del pascolo, il numero di animali, la composizione del prato in specie di piante, la presenza di alberi produttori di fogliame o sementi commestibili, insomma, una MAREA di fattori.
@Anonimo: sì, certo, è possibile che sia lei a romperle muovendosi, o perché il nido è poco imbottito, o perché le uova sono troppe rispetto alle dimensioni della gallina, o perché la gallina è troppo pesante, o perché le uova hanno il guscio fragile... i motivi possono essere tanti.

filippo ha detto...

grazie Andrea.
Il giardino è 2000 mq ma loro si limitano a 1000.E' un agrumeto con un notevole numero di erbe spontanee annuali.
Quando escono dal pollaio,le vedo piluccare sui fili d'erba come per catturare i semi.
Poi razzolano e beccano sulla terra.
Se si scava un po' di piu' è pieno di lombrichi ma non credo riescano ad arrivarci.
Anche gli animaletti tra la terra non mancano.

grazie

marco ha detto...

Ciao,
io vorrei sapere il galleto che ormai ha 4 mesi se puo' vivere insieme al gallo.
Ho notato che il gallo senior lo rincorre per beccarlo,pur non riuscendoci.
Il galletto junior quasi sempre solo e sono costretto a dargli da mangiare in disparte perchè il senior non gli permette di mangiare insieme a tutte le galline(5)
C'e' una gerarchia animale inquietante,mi ricorda il medio oriente dove il maschio adulto è sovrano.
ciao

Andrea Mangoni ha detto...

@Filippo: fai una prova: lascia le galline al pascolo e a metà pomeriggio nel pollaio fornisci loro 100 gr di granaglie a testa. in questo modo misurando la quantità avanzata sarai in grado di capire quante granaglie servono loro per nutrirsi.
@Marco: il gallo giovane sta raggiungendo la maturità sessuale e il vecchio probabilmente non lo tollererà più con sé, specie con un numero così piccolo di galline. se avessi almeno 6-8 galline per gallo sarebbe diverso, ma così è facile che le liti siano all'ordine del giorno. probabilmente comunque col tempo la situazione potrebbe stabilizzarsi, ma non è detto. I polli sono animali ALTAMENTE gerarchici in cui ogni fase della giornata è regolata da una precisa gerarchia e in cui soprattutto i maschi devono competere anche fino alla morte coi rivali per poter trasmettere i propri geni alla prole. Non fartene inquietare troppo, è pura natura. se ti va, leggi questo vecchio articolo del blog: Appunti di Avicoltura: il sesso dei polli, ovverosia come la selezione sessuale agisce nei nostri amici pennuti

marco ha detto...

grazie,pero'Andrea,quando vanno a dormire adesso hanno cambiato disposizione.Il gallo junior sta da solo le altre galline si sono divise in gruppo.
Il problema è farli mangiare tutti insieme.
Adesso le granaglie le sto gettando a spaglio in vari punti distanti in modo che il senior si distragga e lasci mangiare il galletto fino a quando non se ne avvorge e lo caccia e mangia il suo(del galletto),per non parlare del cibo che si rubano dalla bocca.

filippo ha detto...

Ciao,ho sentito,or ora,che le galline producono meno uova,con le giornate corte.
Se fosse cosi' non avrei uova di inverno? grazie

Andrea Mangoni ha detto...

ciao, in generale in autunno con la muta si interrompe la deposizione, e col fotoperiodo negativo spesso comunque le galline depongono molto meno. potresti quindi ritrovarti con molte meno uova del solito, o anche (per brevi periodi) con nemmeno uno. puoi ovviare fornendo un'integrazione luminosa con un timer che al mattino accenda una lucina in modo che la luce artificiale sommata alla durata del giorno dia alle galline 14-16 ore di luce. ciao!

filippo ha detto...

mmh grazie
ma il problema è che su 5 galline,una è chioccia ma non depone sempre.Un'altra non depone da sempre e le altre 3 sono nate ad aprile.Come valuto la cosa?
grazie

Andrea Mangoni ha detto...

mah, Filippo, c'è poco da valutare. la chioccia se cova non depone; Quella che non ha mai deposto non ci è dato sapere perché lo faccia (razza, età, stato di salute?); le tre giovani a seconda della razza e di come hanno trascorso i primi mesi di vita potrebbero iniziare a deporre tanto in autunno quanto in febbraio-marzo. con così poche informazioni, è impossibile anche solo fare delle ipotesi.

filippo. ha detto...

forse sono ancora piccole,come ho scritto,le 3 sono nate ad aprile quindi hanno 7 mesi.
Sono tutte in gran salute e scorrazzano tutto il giorno nel terreno allo stato brado.
Ho notato che il gallo non se le tromba ancora e solo una la prende di mira.
grazie

filippo ha detto...

aggiorno Andrea....
il gallo senior non fa entrare il galletto giovane nel pollaio.
Questo poveraccio resta in disparte
tutto il giorno perchè il padre è troppo severo.
Secondo te devo scambiare il gallo giovane o il vecchio con un mio amico in modo da tenerne solo uno?
Il giovane è di aprile.
grazie

Andrea Mangoni ha detto...

ciao, 7 mesi di solito sono sufficienti per iniziare a deporre per molte razze, ma galline nate ad aprile spesso iniziano a deporre solo verso febbraio-marzo.
con cinque galline e due galli è normale che si creino attriti. calcola almeno 6-8 galline per ciascun gallo, altrimenti dovrai rinunciare a uno dei due. non prendere un gallo "sconosciuto", se il gallo padrea mal tollera il figlio ancor più non tollererà un intruso.

filippo ha detto...

si si ho capito,scusa mi sono espresso male.
Non intendevo scambiare un gallo con un altro ma con una gallina.
L'unico dubbio era se cedere il senior o lo junior.
Il primo è un dominante pazzesco,il figlio è(attualmente) mal tollerato
dal padre.
Non vorrei che,se tenessi il giovane gallo,non si rivelasse un buon trombagalline come il padre.
Quindi che faccio? grazie

Andrea Mangoni ha detto...

io terrei sempre il più dominante e il più forte... per cui darei via il giovane.

filippo ha detto...

povero galletto! non avra' di che affilarsi gli speroni. grazie

filippo ha detto...

ciao Andrea sono sempre io.
Siccome il gallo senior vieta al gallo junior di trombarsi le gallinelle,ti pare fattibile,dividere le famiglie,alloggiarle in due zone separate del pollaio e farle uscire a giorni alterni?

L'unico problema sarebbe fargli capire che devino entrare in un altro luogo,non piu' dove al solito.
grazie

filippo ha detto...

un'altra cosa anche per piacere Andrea.
Ho una gallina(senior) che ha le unghie molto lunghe rispetto alle altre e cammina malino e poco.Le posso tagliare un po' con una cesoia? grazie per la pazienza.

filippo

Andrea Mangoni ha detto...

ciao, sì, vedo fattibile la divisione, e isolando ciascuna famiglia nella propria parte di ricovero per almeno una settimana dovrebbero imparare a tornare a dormire sempre nella loro parte.
per la femmina, dalle unghie lunghe, puoi provare a usare un tronchesino da unghie ben affilato facendo attenzione a non accorciare troppo per non ledere la piccola vena che si trova nella regione basale dell'unghia. ciao!

filippo. ha detto...

ok grazie,le unghie le ho gia' tagliate.
La galina nata ad aprile ha deposto il primo uovo.Che piccolo pero',la meta' di un uovo normale che si compra.
grazie ancora.

Elisa ha detto...

ciao andrea, questa mattina mi son accorta che una delle mie galline, credo sia mugellese, si è trovata un posto isolato e nascosto per deporre le uova, solitamente le faceva nel pollaio anche se libera di scorrazzare ovunque, ho controllato e ci sono 9 uova. la mia domanda possibile che cambiando questa abitudine abbia intenzione di mettersi a covarle? al max quanto devo attendere per aver la certezza che invece è diventato solo un nuovo sito di depozione. complimenti per il sito elisa

filippo ha detto...

ciao Elisa,mi permetto di dire la mia.
Se ha trovato una nuova postazione e a te ve bene,mettile(o lasciale)
un uovo per ricordarsi che deve andare li a deporre.
E' successo anche ad una mia gallinella e siccome mi sta bene la nuova zona,le ho messo un uovo per evitare che si dimentichi e scelga un altro posto senza che io sappia dove sia.ciao.

Andrea Mangoni ha detto...

ciao Elisa, di solito le gallinelle nane iniziano a covare dopo aver deposto dalle 7 alle 15 uova. io credo che quando vedi 15 uova nel nido e la gallinella non si è ancora messa a covare puoi tranquillamente iniziare a prelevare le uova deposte successivamente. ti consiglierei anzi di segnare con una matita le uova fatte finora. vedrai che se vuole diventare chioccia si metterà a covare tra al massimo una o due settimane. ciao e buon anno!

Elisa ha detto...

ciao Andrea, oggi altra novità, anche un'altra gallina ha iniziato a deporre nello stesso posto, e per di più ci si mette anche il gatto a covare, incredibile. che faccio? L'altra gallina è una di quelle rosse. grazie elisa

filippo ha detto...

ciao Andrea.Una mia giovane gallina ha deposto 7 uova nel garage in un punto non visibile,a fianco del pollaio, a mia insaputa.
E' riuscita ad entrare in uno spazio che manco io sapevo esistesse.
Ora si è messa a covare senza uova sotto e non voglio che stia fuori del pollaio in mezzo agli attrezzi.
Come faccio a schiocciarla?
L'ho tolta due volete(una di sera tardi a buio) ma ci riva'.
Come faccio a farle passare l'istinto della cova?
grazie

Andrea Mangoni ha detto...

@Elisa: il gatto??? Misteri del comportamento animale. porta via le uova della "rossa" e lascia quelle della nanetta, se vuoi che quest'ultima vada a cova. però cerca di distogliere il gatto o lo sviluppo dell'embrione inizierà, senza peraltro arrivare a compimento.
@Filippo: prendi la gallina e mettila in una gabbia con fondo a sbarre o a rete, per qualche giorno; dovrebbe passarle l'istinto alla cova. se non funziona, prova con un sistema più drastico: bagnale zampe e ventre nell'acqua fredda, poi ascigala e tienila un po' lontana dal sito di deposizione.

filippo ha detto...

grazie,mo' provo.

filippo ha detto...

arieccomi,
Ho preso le due galline,le ho bagnato e zampe e il ventre,asciugandole poi e lasciate a razzolare,sono tornate a covare.
Domani riprovo.
Una delle due non ha tollerato il freddo della acqua piovana raccolta in un carriola.Boh?!

filippo ha detto...

nulla...non schiocciano.Vabbe' tanto non farebbero uova lo stesso giusto??
grazie

filippo ha detto...

hanno schiocciato!! un po' in ritardo pero' thank you

filippo ha detto...

ciao
sono sempre io
E' sparita una gallina!
qui non ci sono faine o animali predatori ed è tutto recintato.
L'ho cercata dappertutto.Non credo che sia nascosta a covare perchè piove.
le ho pensate tutte ma non mi viene in mente niente.Non credo neppure ad un gatto he ogni tanto passa e che mi porto' un cucciolo di anatra.La gallina è razza nana ma è quanto un gatto di piccole dimensioni.
Cosa puo' essere successo?

filippo ha detto...

ciao
aggiorno: la gallina era finita dentro un contenitore tipo quelli della differenziata dove metto il grano in busta di plastica e si era chiuso il tappo.
In pratica è stata 2 giorni li dentro senza acqua senza luce dentro il pollaio stesso,quindi sentiva tutto e io a scervellarmi su dove potesse essere.

Ma come fa ad essere cosi' scema da non strillare per farsi salvare?

diego ha detto...

ciao, volevo chiederti un'informazione, la mia moroseta ha iniziato a covare 8gg fa e purtroppo mi sono accorto che le uova sono tutte chiare perché il mio galletto non ha fatto il suo dovere.
Adesso sono riuscito a procurarmi delle uova feconde ma sono un po titubante a sostituirle perché così facendo la gallina dovrebbe covare come minimo per circa 30 gg e non vorrei stressarla troppo.
Tenendo presente che in questo periodo non fa ne troppo caldo ne troppo freddo(5-10gradi), che è in un luogo ben riparato e asciutto e che tutti i giorni la faccio scendere dal nido assicurandomi che mangi un po' dici che posso anche rischiare a mettere uova nuove oppure no!

grazie mille in anticipo

Andrea Mangoni ha detto...

ciao, puoi farlo senza problemi, se ti assicuri che l'animale scenda a mangiare e bere (e defecare!) ogni giorno. ho visto galline covare testarde per tre mesi; 30 giorni sono un po' una stancata, ma non uno stress così grande per l'animale quanto ad esempio essere schiocciate a forza. in bocca al lupo!

filippo ha detto...

ciao Andrea
ho notto che le ovette delle mie galline
sono un po' piu' fragili di quelle commerciali cioe' hanno il guscio piu fine,anche se non si rompono.
Lo noto quando le apro.
Da mangiare le do grano(o qualche spaghetto avanzato senza condimento di sera e frutta d'estate,per il resto della giornata,razzolano su 2000 mq di terra con tutte le erbe varissime a disposizione.
Premesso che non intendo aquistare integratori ,cosa potrei semplicemente cambiare?
grazie

Andrea Mangoni ha detto...

ciao, l'alimentazione è sbilanciata, troppo povera di proteine e probabilmente di sali minerali. se non vuoi comprare grit, procurati delle conchiglie e macinale col pestello per ottenere una polvere di carbonato di calcio da aggiungere alla dieta. aggiungi anche farina di soia almeno per il 20%, e aggiungi alla dieta anche i gusci delle LORO uova (non quelle comperate) sminuzzati.

filippo ha detto...

grazie,
carbonato di calcio cioe' un componente della calce a partire dalla calcare.
Se mi dicessi che andrebbe bene la calce idrata,come potrei somministrarla?
Sciolta nell' acqua da bere o ridotta in palline umide tipo fregola?
Farina di soia devo sicuro acquistala anche se costeraa0 parecchio.
Nel terreno ci sono quantita' industrali si pietroline calcaree
anche per la natura del terreno e l'acqua che lo bagna.Loro non le mangiano?
grazie

Andrea Mangoni ha detto...

acque e pietruzze possono contribuire, ma francamente non so molto riguardo all'uso della calce idrata. continuo a proporre conchiglie o eventualmente il grit, appunto! Puoi provare a sostituire la soia con il pisello proteico, eventualmente.

Luigi Criscuolo ha detto...

Ciao andrea...
vorrei provare a far nascere dei pulcini...
Papa' mi ha lasciato un po' di terra ed abbiamo un bel recinto con delle galline...ma sn tt ovaiole...
ora xo' vorrei provare ad avere dei pulcini...

mi sapresti dire che specie di gallo e di gallina dovrei comprare?

io avevo pensato di comprare un gallo e una chioccia e di metterli assieme in una conijera alta e spaziosa...

x qnt tempo dovrei tenerli assieme x essere sicuro che le uova siano feconde e quando poi dovro' separare il gallo dalla chioccia?

ti ringrazio in anticipo.

Andrea Mangoni ha detto...

ciao, allora ci sono razze con maggiore inclinazione alla cova, come ad esempio Cocincina nana e gigante, moroseta, molte razze nane, le meticce nane chiamate francesine o americanine, eccetera. alla gallina chioccia puoi affidare anche uova di altre galline, non solo le sue. in genere le uova deposte già al secondo giorno dopo l'introduzione del gallo sono feconde. Dopo che avrai tolto il gallo, la gallinella resterà fecondata dal suo seme per circa 3 settimane. il gallo potrà essere tolto quando la gallina andrà a chioccia.
intanto in bocca al lupo!

Luigi Criscuolo ha detto...

Grazie mille x la risposta...
E se nello specifico volessi far nascere delle galline ovaiole dall'incrocio tra il gallo e la chioccia...che razze dovrei far accoppiare?

Andrea Mangoni ha detto...

...le razze buone chiocce difficilmente sono anche buone ovaiole. Per questo se vuoi avere buone ovaiole procurati uova di Livorno bianca utilitaria, Ancona, eccetera, avendo cura di averle fresche quando la gallina inizia a covare.

filippo. ha detto...

le mie depongono e covano ma aiutate dalla chioccia che sembra l'insegnante.
Adesso stanno covando a fianco chioccia e gallina ovaiola...
Addirittura,un'altra che cova all'aperto,di notte sparisce insieme all'uovo e torna di giorno,non so dove vada perchp nel pollaio non c'è. Boh!

Anonimo ha detto...

ciao
è facile tirare il collo alla gallina? io ho paura che non muoia subito.....

Andrea Mangoni ha detto...

ciao, per una precisa scelta, di cui parlerò probabilmente in pubblico in un prossimo post, nel blog non intendo in alcun modo parlare di come uccidere un animale. Mi dispiace.

Anonimo ha detto...

potrebbe servire per evitare sofferenze ad un animale che ha vissuto bene,rispetto a come vengono trattati negli allevamenti intensivi.
comunque vedi tu, ciao

Anonimo ha detto...

ciao! ho una gallina ke credo vuol diventare chiocia. ma non ne sono molto sicura,visto ke depone ancora uova,anke se tende a restare sopra di loro apena diventano 2o3 uova. ke mi consiglia? grazie!
holta

Andrea Mangoni ha detto...

...ti consiglio di lasciare deporre alla gallina 6-10 uova, e di lasciarle nel nido, in maniera che l'animale se ha davvero desiderio di covare possa esprimerlo pienamente. Aspetta con pazienza!

Anonimo ha detto...

grazie per la risposta. infatti le ho messo 13 uova (sue e del altra galina ke ho) basandomi nei tuoi consigli. sono tutte uova deposte dal 1 aprile con la nuova luna (da noi si danno importanza a queste cose). adesso sta dal 8 aprile covando. ma a me sembra molto agressiva,al punto ke a volte ho anke un po paura a d avicinarmi a lei (per controlarla se sta covando o se copre bene tute le uova). counque esendo la mi prima volta con una chiocia ho molti dubbi se alla fine narcerano i pulcini. mi sapresti. dare qualche consiglio di piu per quanto riguarda a queste cose?

Anonimo ha detto...

ciao
aspetta 20 giorni dall'inizio della cova e dovrebbero uscire i pulcini.

E' normalmente un po' agressiva ma se ti metti i guanti non ti fa niente la beccata.
Il problema sara' coi pulcini che non ti fara' avvicinare.

eli ha detto...

ciao,la mia chioccia dopo 19 giorni di cova ha abbandonato le uova,quando mene sono accorta le uova erano fredde,l'abbiamo subito rimessa nel nido dopo mezzora era di nuovo fuori,l'abbiamo rimessa e per il momento ci sta,nasceranno dei pulcini??
Grazie

Andrea Mangoni ha detto...

in generale al 19° giorno i danni causati dall'abbandono della covata per qualche ora sono limitati. credo che se non ci sono altri problemi la maggior parte delle uova schiuderà. in bocca al lupo!

eli ha detto...

Crepi il lupo!alla fine abbiamo scoperto che era infestata dagli acari rossi...speriamo bene!!grazie mille!

eli ha detto...

Oggi sono nati due pulcini!!adesso come mi devo comportare per gli acari rossi?al pollaio il veleno glielo abbiamo dato e alla chioccia gli abbiamo letteralmente fatto il bagno con il prodotto...si possono attaccare anche ai pulcini?

Andrea Mangoni ha detto...

sposta il prima possibile chioccia e pulcini in una gabbia dal fondo in rete a maglie fini (0,5 cm) e tienila per un'oretta nell'erba, sul prato, in zona soleggiata ma con un po' d'ombra. se ci sono gli acari rossi cercheranno rifugio nel terreno e i pochi che rimarranno sul fondo della gabbia li potrai eliminare con una spruzzata di Neoforactyl.

Anonimo ha detto...

ciao andrea! sono ancora io,holta. oggi e îl 20simo giorno della chiocia,e tutto e andato bene fin oggi,qundo son andata a controlare le uova (dopô ke la kioccia era andata a mangiare),e ne vedo una in meno. vedo meglio e cé un uovo rotto e nu pulcino formato ma morto.non so che sia sucesso,cmq sento anke un rumorino solo in un uovo. adesso vorrei dei consigli di cosa fare,come comportarmi con i pulcini e con la kioccia?cosa non fare assolutamente?

eli ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
eli ha detto...

Ciao Andrea,scusami ma siamo alle prime armi...il pollaio e sul terreno quindi se gli acari vanno nel terreno nn riuscirò mai a debellarli?? Scusa e grazie per la pazienza!

Anonimo ha detto...

ciao,sono di nuovo io,holta. ho una nuova notizia, fin adesso si sôno skiuse 8 uova,e una e ancora in skiusura,cie sono nati 8 ucelini e uno sta per nascere.ci sono ancora 4 uova.la chioccia continua a covare.devo ancora sperare ke nasca qualke altro pulcino,o devo togliere le uova non ancora sochiuse,a dare ai pulcini nati la posibilita di nascere? ho paura ke muoiano i pulcini apenanati,dalla fame. la chiocçia non si muove da li,e strilla come una matta quando la voglio spostare un po per vedere a ke punto siamo. quanto dura la skiusura dei pulcini,di solito?

«Meno recenti ‹Vecchi   1 – 200 di 210   Nuovi› Più recenti»